RSS

Archivi categoria: Finanza etica

BNL PER TELETHON 2010: Oltre 12,6 milioni di euro raccolti

Anche quest’anno si è conclusa con molto successo la raccolta fondi che BNL ha svolto attivamente a favore di TELETHON, raccogliendo oltre 12,6 milioni di euro e confermandosi come il principale partner per la ricerca scientifica a favore delle malattie genetiche. L’assegno è stato consegnato dal Presidente Luigi Abete e dall’Amministratore Delegato Fabio Gallia nel corso della trasmissione “Domenica In” su Rai Uno dedicata a Telethon.

Gli oltre 12,6 milioni di euro raccolti portano a più di 210 milioni di euro la cifra che in 19 anni BNL ha ricavato per sostenere la ricerca. “BNL per Telethon” continua, dunque, ad essere il più importante progetto di fund raising in Italia. Read the rest of this entry »

 

Tag: , , , ,

Il fondo etico di Sella Gestioni devolve 86 mila euro in beneficenza in un anno

Il fondo “etico” di Sella Gestioni, la società di risparmio gestito del Gruppo Banca Sella, ha raccolto 86 mila euro in un anno, destinati al sostegno di tre progetti di solidarietà in Italia e all’estero. La somma  è stata raccolta nel corso del 2008 grazie alla sottoscrizione da parte dei clienti di Nordfondo Etico Obbligazionario Misto Max 20% Azioni, che ogni anno destina lo 0,6% del proprio patrimonio a diversi progetti di solidarietà.

Nordfondo Etico Obbligazionario Misto, il fondo socialmente responsabile, investe il proprio patrimonio in strumenti finanziari che rispettano determinati requisiti etici, selezionando in particolare le società che si impegnano nella tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, sono fortemente radicate sul territorio e non operano nella fabbricazione o nel commercio di armi, tabacco, alcool e gioco d’azzardo. Grazie a questo fondo, dal 1999, anno di lancio di Nordfondo Etico Obbligazionario Misto, Sella Gestioni ha destinato circa un milione di euro a sostegno di numerose iniziative benefiche. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 ottobre, 2009 in Finanza etica

 

Tag: ,

Da Banca Sella e Unicef carte prepagate come idea regalo

Una carta prepagata come regalo di Natale, puntando sulla maggiore comodità degli acquisti, sull’educazione finanziaria specie dei più giovani e la solidarietà. È la nuova iniziativa delle banche del Gruppo Banca Sella, che per Natale hanno lanciato in tutta Italia l’idea-regalo della Carta Prepagata a favore dell’Unicef, a sostegno del progetto “Kirghizistan, diritto alla scuola e al gioco”.

Per ogni carta acquistata il Gruppo Banca Sella devolverà all’Unicef 3 euro (il costo della carta e della prima ricarica è di 6 euro) e successivamente lo 0,1% per ogni operazione di spesa che verrà effettuata. Il ricavato andrà a sostegno di un progetto educativo promosso dall’Unicef nell’ex repubblica sovietica del Kirghizistan, che ha l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita e di studio dei bambini con interventi nelle scuole, acquisto di materiale didattico, campagne informative sulle necessità nutrizionali e di apprendimento della prima infanzia, servizi di consultorio, sussidi alimentari e interventi di sostegno contro l’abbandono scolastico.

locandina_a1_unicef-new

“Le carte prepagate – ha detto l’amministratore delegato del Gruppo, Pietro Sella – stanno avendo una notevole diffusione e in molti casi, specie tra i più giovani, rappresentano il primo contatto con il mondo dei servizi bancari e con l’abitudine e la responsabilità di gestire in modo attento ed efficiente il proprio denaro, contribuendo all’educazione finanziaria. Legando questo servizio alla iniziativa dell’Unicef diamo anche, con l’aiuto dei nostri clienti, un contributo alle iniziative umanitarie che riteniamo più efficaci per un reale sviluppo che sono quelle che riguardano i bambini, i giovani e l’educazione”. Read the rest of this entry »

 

Tag: , , ,

Al via il progetto 2008, l’ “Anno della Buona Banca”

Of-Osservatorio finanziario lancia ‘2008 L’Anno della Buona Banca’, un progetto che si propone di comunicare tutte le iniziative intraprese dagli istituti di credito per rendere più corretto il rapporto con i clienti e migliorare l’offerta di prodotti ‘buoni’ e servizi ‘sensibili’ alle esigenze di target particolari: persone che hanno difficoltà ad accedere al credito perché non sono in possesso delle garanzie bancarie tradizionali, disabili e immigrati.

Ma non solo. Perché la banca è ”buona” anche quando propone un mutuo a condizioni più vantaggiose rispetto agli altri istituti, quando offre una remunerazione elevata sulle giacenze bancarie, quando è ”trasparente” o propone il fondo di investimento ”etico”, attento al profilo socio-ambientale delle società e degli Stati che finanzia.

Secondo l’Osservatorio finanziario esistono banche più ”buone” rispetto ad altre. Banche che non rinunciano al profitto, ma sembrano manifestare una maggiore attenzione verso le esigenze del cliente. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 gennaio, 2008 in Finanza etica

 

Tag: ,

Più CSR più Clienti. Quando essere sostenibili fa crescere la quota di mercato

4 dicembre 2007, ore 09-13 – Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Cripta dell’aula Magna

Quando una forte attenzione alle proprie responsabilità sociali e ambientali diventa un fattore di distinzione per l’impresa? Quando cioè tale attenzione sa alimentare una strategia di differenziazione di successo? Mentre si dibatte sterilmente sulla convenienza economica della CSR genericamente intesa, il Convegno, organizzato da Altis – Alta Scuola Impresa e Società, in collaborazione con ISVI – Istituto per i Valori di Impresa, dà la parola a imprese che affermano di: assumersi in modo particolarmente intenso una responsabilità rispetto agli impatti sociali e ambientali delle proprie attività; di ottenere, in forza di questo impegno socioambientale, un vantaggio competitivo in qualche modo misurabile.
Questa sfida lanciata dalle imprese responsabili sarà esaminata ad un duplice livello: delle piccole imprese, che cercano di soddisfare le esigenze di segmenti di clientela sensibili ai temi della sostenibilità; delle grandi imprese, che con i loro comportamenti sono in grado di influire sull’intera società. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 novembre, 2007 in Convegni, Finanza etica, Notizie

 

Tag: ,

L’impresa sociale al debutto

L’impresa sociale è pronta al debutto. Manca infatti solo la firma del Ministro per la Solidarietà Sociale, Paolo Ferrero, sui decreti legislativi che completano l’attuazione della legge delega n. 185/2005 che disciplina l’impresa sociale. Si tratta di quattro provvedimenti che consentiranno alle onlus di svolgere un’attività economica (produzione o scambio di beni e servizi di utilità sociale). La qualifica di impresa sociale scatterà per le, non poche, organizzazioni private senza scopo di lucro che in Italia esercitano principalmente un’attività economica che risponde a fini sociali e d’interesse generale. Di conseguenza, beneficeranno della fiscalità leggera riservata alle onlus. I quattro decreti prevedono rispettivamente: l’iscrizione al registro delle imprese in una sezione ad hoc e i documenti da depositare, le modalità di determinazione dei ricavi (dall’attività economica si devono produrre ricavi superiori al 70% di quelli complessivi dell’organizzazione che esercita l’impresa sociale) per poter accedere alla qualifica di impresa sociale, le linee guida del bilancio anch’esso da depositare al registro delle imprese e, infine, le istruzioni da seguire per le operazioni straordinarie: trasformazioni, fusioni, scissioni, scorpori e cessioni dell’impresa. Sul primo decreto, quello relativo all’iscrizione al registro delle imprese, manca ancora il parere di Unioncamere. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 novembre, 2007 in Finanza etica, Notizie

 

Tag: , ,

Il Gruppo Banca Sella affianca l’Unicef

Il Gruppo Banca Sella affianca l’UNICEF nel promuovere il progetto “Kirghizistan: diritto alla scuola e al gioco”. Si tratta di un progetto educativo a favore dei piccoli kirghizi , tramite una raccolta di fondi realizzata attraverso i prodotti del Gruppo Banca Sella: Nordfondo Etico Obbligazionario Misto, Sella Card e Conto Tuo Giovani. Il progetto parte subito con 120mila euro assegnati tramite il Nordfondo Etico Obbligazionario Misto Max 20%, il prodotto etico di Sella Gestioni che, come previsto dal regolamento, unisce l’obiettivo di un investimento socialmente responsabile, attraverso l’utilizzo di uno screening etico sugli investimenti, con la volontà di contribuire a finalità concrete, destinando ad importanti progetti di solidarietà una quota annua pari allo 0,6% del proprio patrimonio.
Oltre alla devoluzione del fondo etico, altri due prodotti contribuiranno a sostenere il progetto nel prossimo triennio: dal mese di novembre, infatti, il Gruppo Banca Sella devolve all’UNICEF 3 euro per ciascun Conto Tuo Giovani sottoscritto, e altrettanti per ogni carta prepagata Sellacard sottoscritta e a seguire per ogni operazione di spesa effettuata dal cliente con la carta la banca destina una percentuale dello 0,1% della propria commissione all’ UNICEF.

 
 

Tag:

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: