RSS

Archivi categoria: Bilancio sociale

“Un anno di ANPAS”

Pubblicato il bilancio sociale 2010 dell’associazione di volontariato più grande d’Italia: numeri e delle attività delle Pubbliche Assistenze ANPAS in una nuova veste grafica e con contenuti online.

 

866 associazioni. 89.560 volontari attivi e oltre 380mila soci in 19 regioni d’Italia. Sono solo alcuni dei numeri contenuti nella quinta edizione del bilancio sociale ANPAS 2010.

Il documento, presentato lo scorso 21 maggio nel corso dell’Assemblea nazionale ANPAS a Milano, e consultabile sul sito www.anpasnazionale.org/bilanciosociale2010, è un importante elemento di trasparenza rivolto principalmente a chi fa parte del Movimento delle Pubbliche Assistenze (volontari e associazioni), ma anche a Istituzioni ed enti che fanno parte dell’ampio numero di portatori di interesse ai quali si rivolge ANPAS.

«In questo Bilancio Sociale 2010, ANPAS, partendo dai numeri, ha voluto rendicontare storie, identità e  visioni che, solo se associate a numeri esatti, devono orientare il nostro agire – dichiara Fausto Casini, Presidente di ANPAS Nazionale – Come sempre, l’ha fatto immaginando la varietà dei soggetti portatori di interesse con cui interagiamo: dai volontari, ai cittadini delle comunità dove operiamo per arrivare a chi esercita responsabilità istituzionali locali e nazionali». Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 giugno, 2011 in Bilancio sociale, Campagne Sociali

 

Tag: , ,

AISM tra le finaliste dell’Oscar di bilancio 2009

L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e la sua Fondazione (FISM) sono nella rosa dei tre finalisti dell’Oscar di Bilancio 2009 per la categoria Organizzazioni Non Erogative Nonprofit. Il Premio è promosso da FERPI – Federazione Relazioni Pubbliche Italiana.

 

Il 2008 è stato un anno importante per AISM che ha visto l’avvio del primo piano strategico di 6 anni “Insieme per il Nostro Futuro 2008-2013”, che ha previsto un intenso confronto con gli azionisti sociali per identificare le loro esigenze e aspettative. Il piano ha portato all’esplicitazione di 9 obiettivi strategici che in modo sinergico concorrono al perseguimento della missione e della visione associativa. Il Bilancio sociale 2008 ha recepito l’impostazione per obiettivi strategici per consentire di rendicontare il contributo di ciascuna area funzionale al perseguimento del piano strategico e quindi della missione.

Read the rest of this entry »

 

Tag: ,

Un tool on-line per la compilazione del bilancio sociale

Chi è dedito alla Corporate social responsibility sa bene che il principale documento in cui un’azienda rivela e spiega le sue strategie socialmente responsabili è il bilancio sociale. Oggi c’è un interessante programma utilizzabile via Internet proprio a questo scopo. A proporlo è uno degli attori più autorevoli in campo internazionale per quanto riguarda l’informazione sulla Csr, ossia Sri World Group.
Il tool si chiama OneReport ed è stato pensato per agevolare coloro che, all’interno delle aziende, devono rispondere ai sempre più poderosi questionari e alle sempre più ficcanti richieste informative delle agenzie di rating etico, quelle che si occupano di valutare le performance socialmente responsabili delle aziende. OneReport, che si auto-definisce una “web-based sustainability reporting solution”, permette ai responsabili della Csr in azienda di raccogliere e gestire online i dati e le informazioni che riguardano le performance Csr della propria azienda e di renderli disponibili in un format predefinito che soddisfa le richieste delle agenzie di rating, le quali infatti hanno contribuito fattivamente allo sviluppo del tool. Così facendo, le aziende hanno anche già bell’e pronta l’ossatura portante del proprio report sociale, per giunta omogenea e quindi confrontabile con quella dei concorrenti. Unico neo i costi.

Tutte le informazioni si possono avere direttamente dal sito: www.one-report.com

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 giugno, 2007 in Bilancio sociale

 

Trenta bilanci sociali nel 2006. Responsabilità d’impresa. Il consuntivo Kpmg vede la Puglia in testa al Sud

Sono trenta le aziende e gli enti pubblici pugliesi che nel 2006 hanno redatto un bilancio sociale, il documento che attesta ai portatori d’interesse il proprio operato, rendendo trasparenti programmi, attività e risultati raggiunti. I dati della società di revisione Kpmg pongono la Puglia al vertice del Sud. Un primato confortato dal fatto che la Puglia è l’unica regione del Sud in cui sono presenti tutti e quattro i grandi network internazionali della revisione (Kpmg, Deloitte, Ernst &Young e Pricewaterhouse & Coopers). “Il ricorso al bilancio sociale è in forte crescita negli ultimi anni: nel 2001 ne avevano redatti tre sole aziende. Tutte del comparto creditizio, spinte dagli inviti alla trasparenza da parte delle istituzioni”, dice Marco Fabio Capitanio, partner di Kpmg e docente di Revisione aziendale all’Università di Bari. I soggetti pugliesi che nell’ultimo esercizio hanno redatto un bilancio sociale appartengono a tre categorie: banche, aziende industriali e dei servizi, pubbliche amministrazioni.
Secondo Capitanio, le aziende pugliesi più virtuose hanno per lo più medie dimensioni, gestione familiare e forte vocazione all’internazionalizzazione. In questi casi, il bilancio sociale rappresenta un valore aggiunto in termini competitivi: i consumatori sono sempre più esigenti sugli aspetti etici e ambientali. Particolarmente interessati sono i giovani imprenditori e le aziende in cui si è da poco compiuto il passaggio generazionale. Il fenomeno più recente riguarda Province, Comuni e Università, per garantire la trasparenza dell’attività amministrativa e il progressivo miglioramento della qualità della vita nella comunità locale. A tal proposito, tra gli enti pubblici che nel 2006 hanno redatto il bilancio sociale, si collocano la facoltà di Giurisprudenza di Foggia (primo ateneo in Italia), la Provincia di Lecce e l’Acquedotto Pugliese, ai quali nel 2007 potrebbe aggiungersi – come preannuncia l’assessore al Bilancio, Francesco Saponaro – la Regione.

fonte: Il Sole 24 Ore, del 23 marzo 2007

 
1 Commento

Pubblicato da su 30 marzo, 2007 in Bilancio sociale

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: