RSS

Contattami

Annunci
 

144 risposte a “Contattami

  1. anna dessì

    24 luglio, 2007 at 1:19 pm

    Cabras 30 giugno 2007

    La vita è imprevedibile e sfuggente.

    Nasciamo e viviamo la vita preziosa che il Signore ci dà.
    Facciamo progetti di ogni genere e sogni che si realizzeranno mentre altri rimarranno nel cassetto.
    Perseguiamo una vita dignitosa, lavorando onestamente,affrontando di volta in volta gli alti e i bassi,lottando contro gli immancabili imprevisti e, nella coscienza che la battaglia quotidiana spesso è dura,impegniamo noi stessi al massimo delle nostre capacità.
    Purtroppo capita che quando credi di averla vinta, tutto ti crolla addosso e d’improvviso. Per te non esistono più progetti, ambizioni, speranze, sogni ma solo ed esclusivamente una crudele realtà che ti porta alla disperazione totale che ti fa sentire impotente.
    Segue lo smarrimento di chi si ritrova davanti ad una diagnosi che non ti dà nessuna speranza: morbo di Lou Gehrig meglio noto per la sua sigla SLA.
    Visite su visite, medicine, fisioterapia e lunghe ed interminabili attese per conoscere questo verdetto definitivo ed inesorabile.
    Il silenzio, lo scoramento e poi il desiderio di combattere.
    Io, insieme al mio compagno di vita abbiamo iniziato lunga trafila delle speranze e delle illusioni, ed abbiamo incominciato la lotta interiore per l’accettazione della prova a cui siamo sottoposti, ma anche la ricerca di tutto ciò che può in un certo qual modo alleviare le sofferenze fisiche.
    La SLA purtroppo, tutt’altro che rara, è una malattia cosi’ altamente invalidante che dovrebbe essere portata a conoscenza dell’opinione pubblica, poiche’ costituisce un grave problema per tutta la societa’.
    In Italia ci sono piu’ di 5000 ammalati ed e’ in crescente aumento il numero di nuove diagnosi, e ogni giorno si manifestano in media tre nuovi casi di SLA e si contano circa sei ammalati ogni 100.000 abitanti, anche nella provincia di Oristano l’incidenza in percentuale è molto rilevante.
    La SLA ha modificato profondamente la vita di mio padre, la mia e quella di mia madre, perché la SLA non la si può fronteggiare da soli: è necessario l’aiuto degli altri per muoversi, alimentarsi, comunicare e respirare.
    Oggi che è toccato a noi, mi chiedo se qualcuno fra le persone che prendono decisioni importanti, che coinvolgono intere famiglie con ammalati, e reparti ospedalieri, abbiano mai conosciuto le difficoltà di avere una persona in famiglia con gravi problemi.
    Oltre alla disperazione per le condizioni morali il nostro piccolo nucleo familiare si scontra con ancor più gravi difficoltà finanziarie perché dobbiamo provvedere alla continua assistenza e, garantire la giusta dignità della persona ed i suoi diritti di ammalato: mi voglio riferire alla possibilità di sottoporsi a cure specifiche o sperimentazioni, e di tutto ciò che può rendere la sua vita migliore in alcuni casi e di possedere sussidi tecnico-sanitari. In questo momento per noi è particolarmente urgente l’acquisto di un sollevatore per poter spostarsi all’interno della casa e magari uscire all’aperto. Ma anche ricorrere ad iniziative di solidarietà e sapere a chi rivolgersi per avere un sostegno anche solo burocratico diventa un problema insormontabile.
    Le parole non bastano e spesso è difficile chiedere aiuto.
    Ma il tempo di vita non ha prezzo e, dunque il mio vuole essere un invito, quasi una preghiera affinché chi d voi legge questa mia dia un contributo sia economico che morale alla mia famiglia per alleviarne la sofferenza.
    Pensi solo alla persona cara che tanto ami e che tanto vorresti vedere invecchiare con te,vedendo crescere la propria famiglia . Invece, per noi, per me, non esiste nessun spiraglio di luce, ma solo una grande sofferenza nel vedere l’uomo che tanto ami consumarsi giorno per giorno, perchè con questa orrenda malattia non puoi far niente, puoi solo aspettare la morte; non hai un ancora di salvezza.
    Io che vivo questa atroce esperienza, spesso mi ritrovo a pensare all’esistenza umana e a quanto spesso la sciupiamo soffermandoci su rancori ed invidie che non portano a niente ma che tante volte ci allontanano dalle persona care.
    Inoltre spesso sembra che in questa nostra società tutti abbiamo dei doveri ma mai dei diritti, tante volte la nostra battaglia si scontra con l’impenetrabile muro della burocrazia.
    Il mio amato non ha paura delle morte ma non vuole lasciarmi sola a lottare, cosa che abbiamo fatto sempre insieme e soffre nel lasciare i figli ed i nipoti.
    Io chiedo con tanta umiltà a voi autorità di dare a tutti coloro che sono affetti di SLA per il tempo che resta loro di vivere, per aiutarli ad avere una vita dignitosa e non una dignità perduta.
    Per tutti noi esseri umani l’umiltà e l’amore sono i valori importanti.
    Grazie a tutti coloro che recepiranno il mio messaggio.

    Anna Dessì

    Per aiutarci economicamente poi farci una piccola donazione
    Specificando nella causuale Pro Giorgio

    Conto corrente n 520111 presso la BNL

    ABI 1005 CAB 17400

    Intestato a Anna Dessì e Giorgio Caddeo

     
  2. DocJoba

    24 ottobre, 2007 at 2:55 pm

    Mi permetto disegnalare una nuova iniziativa web.
    Mi farebbe piacere sapereche ne pensi. Siamo un gruppo di ragazzi, in parteitaliani e in parte messicani. Crediamo sia un progetto interessante per tutti quelli che vi partecipano, con in più un forte taglio sociale e ecologico.

    Grazie in anticipo, per eventuali critiche, suggerimenti segnalazioni.

    http://www.sifoeco.com

     
  3. comunicandoilsociale

    26 ottobre, 2007 at 8:37 am

    Complimenti per la vostra lodevole iniziativa. Teneteci aggiornati sulle vostre attività, vi seguiremo sempre con grande interesse.

     
  4. DocJoba

    26 ottobre, 2007 at 12:51 pm

    Grazie per i complimenti.
    Adesso il difficile è farci consocere…
    Ho scritto un pò a tutti ma pochissimi ci hanno considerato e pubblicato…
    Boh…

    Qualsiasi aiuto è benvenuto!!!

    Grazie

    Joba

     
  5. Marco Bonardelli

    2 novembre, 2007 at 10:01 am

    Ciao Marco,

    mi sapresti dire, tu che sei del settore, se al momento c’è qualche associazione o semplicemente sito che promuovere l’idea di una rete senza cyberbullismo e maleducazione di quella con la m maiuscola che spesso si trova nelle comunità web?

    E’ un argomento che mi interessa non poco.

    Grazie 😉

     
  6. comunicandoilsociale

    7 novembre, 2007 at 1:26 pm

    Caro Marco il problema della netiquette su internet ha sollevato sempre grandi preoccupazioni e qualcosa devo dire è stato fatto dai singoli soggetti. Istituzioni nazionali non credo ci siano, un buon esempio è però quello del NIC (http://www.nic.it/NA/netiquette.txt) che ha pubblicato una serie di norme.

     
  7. Davide - Fondazione Pangea Onlus

    8 novembre, 2007 at 9:47 am

    Ciao,
    ti scrivo per segnalare a te a agli altri lettori la nuova campagna di Fondazione Pangea Onlus contro la violenza sulle donne. Un commento da parte di tutta la comunità di Comunicandoilsociale sarebbe più che ben accetta! Non voglio anticipare niente, ma la campagna, contro la violenza sulle donne, punta molto sulla viralità, con un minisito interattivo e un cartoon realizzati da Gordo.it.

    http://www.pangeaonlus.org

     
  8. FEDERICA

    21 novembre, 2007 at 9:26 am

    Buoangiorno, scrivo dalla segreteria del Premio Giornalistico F.I.R.M.O.
    Nel testo che avete pubblicato c’è un GRAVE ERRORE. Vi prego di contattarmi al più presto per effettuare la correzione. Non sono 3 autori ma 1 autore che vinecrà il premio di 10.000,00 €.

    Grazie
    FEDERICA PRAYER GALLETTI
    Fondazione F.I.R.M.O.
    Palazzo degli Artisti
    Viale Milton, 49
    50129 Firenze
    tel. +39 055 47891.220
    direct +39 055 47891.233
    fax +39 055 490442
    premiogiornalistico@fondazionefirmo.com
    http://www.fondazionefirmo.com
    http://www.doradocom.com

     
  9. comunicandoilsociale

    21 novembre, 2007 at 10:16 am

    La ringrazio per la segnalazione che è già stata raccolta nel testo del comunicato di presentazione del Premio. Un cordiale saluto.
    Marco Valenti

     
  10. Roberta

    29 novembre, 2007 at 10:29 am

    Ciao a tutti,
    mi permetto di segnalare una iniziativa di fundraising online promossa da AISM in collaborazione con Dartway Interactive. Si tratta di http://www.stelledellasolidarieta.it, un cielo virtuale nel quale chiunque può ‘adottare’ una stella attraverso un contributo a sostegno di diversi progetti concreti rivolti a malati di sclerosi multipla: es. trasporti attrezzati, sedute di fisioterapia o supporto psicologico, e molto altro.
    Ogni donatore può dare un nome alla propria stella, personalizzarla con un messaggio e testimoniare così il suo contribuito: per tutti coloro che effettueranno una donazione sono pronti diversi gadget virtuali come screensaver, wallpaper, e-cards natalizie, biglietto da stampare per augurare buone feste e coinvolgere amici e familiari nell’iniziativa.
    http://www.stelledellasolidarieta.it
    http://www.aism.it

     
  11. comunicandoilsociale

    30 novembre, 2007 at 1:44 pm

    Grazie Roberta, parlerò della vostra iniziativa, se ti è possibile mandami del materiale. Grazie
    Marco

     
  12. eleonora

    2 dicembre, 2007 at 7:20 pm

    Comunicato
    Sono la mamma di Emanuele Lo Bue, il bambino di 7 anni in coma dallo scorso 10 aprile a causa di una banale operazione di appendicite.

    Ecco, in breve, la storia.

    Emanuele è sempre stato un bimbo sanissimo. Il 10 aprile 2007 è entrato al “San Raffaele” di Milano per un’appendicite. Durante l’anestesia, non si sa ancora esattamente per quale motivo, è rimasto senza ossigeno per parecchi minuti, forse 15, forse di più. Successivamente è stato in terapia intensiva per due mesi e ha subito l’asportazione della teca frontale perché la pressione endocranica è aumentata a dismisura. Il 28 maggio 2007 è stato dimesso con la corteccia cerebrale distrutta, il cervello a macchia di leopardo, senza osso frontale e in stato di coma neurovegetativo. Da allora il bambino si trova ricoverato presso il centro di riabilitazione “La Nostra Famiglia” di Bosisio Parini (Lecco). Viene nutrito artificialmente, ha subito cinque operazioni e molte TAC. Il 10 settembre 2007 è tornato al San Raffaele per ripristinare la calotta cranica e l’operazione è andata bene.

    Ma lui è sempre in coma.

    Uno stato “irreversibile” secondo la diagnosi, ma noi genitori, con il sostegno di familiari e amici, non vogliamo arrenderci. Non smettiamo mai di cercare in tutti i modi informazioni su una possibile riabilitazione, cure d’avanguardia o anche un’eventuale ennesima operazione. In Italia o nel mondo.

    Se esiste una possibilità di restituire a Emanuele una vita normale, ogni strada dev’essere percorsa.

    In questi mesi mi sono personalmente adoperata affinché il mondo dei media portasse la storia del mio bambino a conoscenza di tutti. Uno dei miei strumenti è stato lo sciopero della fame.

    Il 10 ottobre scorso, subito dopo la mia partecipazione alle trasmissioni TV “Uno mattina” (RAI 1) e “Piazza Grande” (RAI 2), sono stata convocata, insieme al sindaco di Cologno Monzese Mario Soldano, dai vertici del San Raffaele.

    Quel giorno il “San Raffaele” ha fatto le seguenti promesse:

    · il San Raffaele percorrerà ogni strada cercando anche fra gli ultimi risultati della ricerca scientifica;

    · i medici del San Raffaele controlleranno che le terapie riabilitative somministrate a Emanuele alla clinica La Nostra Famiglia di Bosisio Parini, Lecco, siano adeguate;

    · il San Raffaele si impegna a supportare la famiglia anche quando il periodo di riabilitazione terminerà ed Emanuele dovrà tornare a casa.

    Da quel momento, però, la collaborazione del “San Raffaele”, come anche quella dell’Istituto “La Nostra Famiglia”, è stata decisamente scarsa.

    Il 12 dicembre, a dispetto di ogni miglioramento, Emanuele sarà dimesso. Da più di tre settimane, inoltre, il numero di fisioterapie eseguite giornalmente sul piccolo è sceso da 11 a 5, a dire dei responsabili in previsione di una riduzione che normalmente avviene quando il bambino è a domicilio, in modo che l’impatto per i famigliari sia meno forte.

    La nostra famiglia, con la collaborazione di parenti, amici e gente comune, si è adoperata per contattare numerosi ospedali e centri di riabilitazione specializzati in tutto il mondo, nella speranza che, da qualche parte, esista una terapia che possa aiutare il nostro bambino. A Cleveland, ad esempio, è sito uno
    degli ospedali più all’avanguardia degli Stati Uniti, presso il quale i medici sono riusciti a ottenere su pazienti in condizioni simili a quelle del piccolo Emanuele risultati
    miracolosi, attraverso l’inserimento di speciali microchip nelle parti
    danneggiate del cervello. Numerosi altri centri sono presenti in varie parti del mondo, ed è stata nostra cura contattarli tutti, vagliando ogni possibilità e non lasciando nulla al caso.

    In ciò, la collaborazione dei presidi sanitari è stata davvero esigua.

    Dopo oltre un mese di attesa, lo scorso 21 novembre l’ospedale di Cleveland ha finalmente ricevuto la documentazione medica dal “San Raffaele” e la relazione dell’Istituto “La Nostra Famiglia”, tradotta e inviata da me con l’aiuto di un gruppo di mamme e non da chi doveva aiutare il mio cucciolo.

    Paghiamo subito 565 dollari (!) e fra un mese avremo una risposta.

    È GIUNTO IL MOMENTO DI MANTENERE LE PROMESSE!

    Il “San Raffaele” deve curare Emanuele e adoperarsi in qualsiasi modo per organizzare il viaggio della speranza, che è possibile presso uno dei centri internazionali con i quali siamo in contatto. A tale scopo,

    da oggi 26 11 07 riprendo lo sciopero della fame.

    Voglio aiuto per mio figlio, un piccolo angelo indifeso che si trova in un letto di ospedale non per colpa sua, ma per un destino infausto.

    Ora dico basta: non voglio più sentire il suo pianto di sofferenza e disperazione. Nei suoi occhi si vede uno sguardo di inconsolabile tristezza e dolore. Perché lui soffre.

    Da domani, sorretta dalla forza di tutte le mamme, tantissime persone e un angelo speciale andrò fino in fondo.

    Questa volta non mi fermo.

    Il mio bambino ha bisogno di aiuto. Vi prego, fate tutto il possibile per comunicarlo al mondo.

    Grazie!

    Eleonora Crespi, madre di Emanuele Lo Bue

    con il sostegno di familiari, parenti, amici e volontari da tutto il mondo

    Contatti

    E-mail: eleonora.crespi@alice.it

    Cellulare: 333 2915163

    Tel. abitazione: 02 27303754

    Blog: http://salviamoemanuele.blogspot.com

    Conto Corrente presso
    Banca Popolare di Milano, filiale di Cologno Monzese (MI)

    Coordinate Bancarie:
    Intestazione: “Salviamo Emanuele”
    D 05584 32970
    Conto Corrente n. 500

    Coordinate Estere:

    Cod. IBAN: IT22 D 05584 32970
    Cod. SWIFT : BPM I I TMM068

     
  13. Marzia

    2 dicembre, 2007 at 7:28 pm

    Mi PIACEREBBE SCAMBIRE I LINK CON VOI, (o anche notizie, comunucati stampa e articoli) IL MIO SITO è:
    http://www.piccologenio.it

    piccologenio.it un sito che propone articoli, racconti, recensioni ed anche argomenti di disabilità.

    L’idea di aprire questo sito internet è venuta ad una ragazza nata nel 1981 che ha passato molto tempo a scrivere, leggere e girare tutti i cinema, teatri e mostre della sua città. Lei ha anche un problema nel camminare e nel parlare, è per questo che nel sito viene trattato anche il tema delle “diverse abilità”. Nel sito troverete anche articoli di pedagogia e di bioetica, scritti da professori di queste materie. Ogni articolo di http://www.piccologenio.it è di facile lettura adatti dunque, a tutti i visitatori del sito stesso. In fine invito a leggere come prima cosa la pagina “vi spiego il sito” per poi conoscerlo meglio e più agevolmente.

     
  14. comunicandoilsociale

    3 dicembre, 2007 at 10:43 am

    Ciao Marzia, inserirò il link appena possibile. Grazie.
    Marco

     
  15. Davide - Fondazione Pangea Onlus

    6 dicembre, 2007 at 12:45 pm

    Ciao!
    torno a scriverti per segnalare a tutti che, da qualche giorno, abbiamo attivato una nuova campagna di raccolta fondi, pensata per tutti coloro che sono stanchi dei soliti regali di Natale.
    Ormai abbiamo già regalato di tutto. Collane, maglioni, incensi, dopobarba, ventilatori, calzascarpe,frullatori, candele,accappatoi e altre centinaia di oggetti analoghi. E quest’anno… non sarà il caso di ripensare il Natale?
    Aspetto i vostri commenti e, chissà, i vostri regali!

    http://www.pangeaonlus.org

     
  16. comunicandoilsociale

    6 dicembre, 2007 at 3:23 pm

    Grazie Davide per la segnalazione. Mi auguro che l’iniziativa abbia il successo che merita.
    Marco

     
  17. Ass. Italiana Spina Bifida e Idrocefalo Onlus La Strada per l'Arcobaleno

    10 dicembre, 2007 at 10:38 am

    nell’articolo che riguarda la Giornata Nazionale sulla Spina Bifida e Idrocefalo che si è tenuta a Tivoli (Roma)dal 7 al 10 dicembre c’è un errore sulla immagine che non riguarda nè la nostra iniziativa e neanche la nostra associazione. vogliate quindi cortesemente eliminarla e, eventualmente se lo desiderate, sostituirla con quella dell’evento che potete richiederci via email.
    Grazie
    Associazione Italiana Spina Bifida e Idrocefalo Onlus
    La Strada per l’Arcobaleno

     
  18. comunicandoilsociale

    10 dicembre, 2007 at 12:44 pm

    La ringrazio per la segnalazione. Le sarei grato se potesse inviarmi l’immagine corretta. Un cordiale saluto.
    Marco

     
  19. Ass. Italiana Spina Bifida e Idrocefalo Onlus La Strada per l'Arcobaleno

    21 dicembre, 2007 at 6:54 am

    Mi pregio inviarVi il Comunicato Stampa relativo alla Giornata Nazionale della Spina Bifida e Idrocefalo dell’8 e 9 dicembre tenutosi a Tivoli (Roma) da inserire cortesemente nella vostra apposita sezione “news”.
    Nell’attesa di ricere un Vostro cortese riscontro, invio cordiali saluti e auguro a nome di tutta l’Associazione Buone Feste

    Carla Marinelli
    Vice Presidente
    Associazione Italiana Spina Bifida e Idrocefalo ONLUS
    la Strada per l’Arcobaleno

    COMUNICATO STAMPA

    Aspettando la Settimana della Spina Bifida e Idrocefalo

    La giornata Nazionale della Spina Bifida e Idrocefalo si è conclusa con un successo che è andato al di là di ogni previsione: oltre 350 persone presenti nei due giorni del Convegno provenienti da varie parti d’Italia; relazioni di rilevanza scientifica indubbia che hanno attirato l’attenzione dei presenti in entrambe le giornate, la presenza aggiuntiva dell’assessore alla sanità del Lazio Augusto Battaglia che ha portato un saluto poco rituale in quanto ha rappresentato le problematiche e le difficoltà della sanità offrendosi poi alle domande e risposte dei portatori di Spina Bifida e Idrocefalo e delle famiglie. Che dire poi proprio dei portatori di Spina Bifida: eccezionali!! Partecipi attivi non solo nel porre domande ma, organizzati all’interno del Comitato Italiano di lavoro giovani e adulti con Spina Bifida e Idrocefalo “Oltre l’Orizzonte”, gestendo le tre tavole rotonde del secondo giorno dei lavori. Infine gli sponsor che hanno avuto il loro ben da fare ad illustrare le novità che possono in qualche modo aumentare il grado di autonomia dei portatori di Spina Bifida e Idrocefalo.

    Che dire poi del battage pubblicitario:

    Circa 70 passaggi dello spot in televisioni nazionali dello spot; dalla Rai, ai canali Mediaste a SKY;

    Passaggi a “Domenica in” e a “Striscia la Notizia”;

    Decine e decine di passaggi dello spot sulle Radio locali;

    Circa 1500 locandine affisse sugli autobus pubblici di Roma e Napoli (dove l’iniziativa è stata possibile in quanto è partita dal Ministero dei Trasporti con l’avallo dell’azienda tramviaria)

    Pubblicità su quotidiani a tiratura nazionale (Il Tempo) e locali Metro, ecc.

    Tutto ciò è stato possibile grazie a sinergie tra gli amici dell’Associazione, le autonomie locali (un ringraziamento alla Città di Gubbio) gli sponsor tutti, e quanti hanno partecipato alla realizzazione del Convegno dai medici del Policlinico A. Gemelli di Roma agli amici del Comitato Paraolimpico Nazionale e così via.

    Un ringraziamento anche agli amici dell’Associazione siciliana presenti con il loro Presidente alla manifestazione.

    Un successo che ha posto le basi per la Settimana della Spina Bifida e Idrocefalo che andremo a fare nel corso del prossimo anno e nella quale affronteremo i tanti altri problemi legati all’autonomia.

    Grazie a tutti e ora vi aspettiamo per preparare insieme la Prima Settimana Nazionale della Spina Bifida e Idrocefalo magari, ed è il mio auspicio, insieme alle altre Associazioni che operano in Italia.

    il Presidente

    Associazione Italiana Spina Bifida e Idrocefalo ONLUS

    la Strada per l’Arcobaleno

    Prof. Antonio Antonellis

     
  20. Marco Bonardelli

    22 dicembre, 2007 at 11:21 am

    Carissimo,

    non se ne hai già parlato ma volevo segnalarti questa singolare campagna radiofonica per Telethon 2007 dove grandi nomi del doppiaggio non sono solo speaker ma veri e propri testimonial, infatti dicono i loro nomi.

    Sono Tonino Accola in versione Homer Simpson, Fabio Boccanera (Johnny Depp), Cristina Boraschi (Julia Roberts) e il mio corregionale Mario Cordova (Richard Gere).

    Gli spot li trovi qui:

    http://www.mbradio.it/public/forum/index.php/topic,5443.0.html

    A prestissimo 😉

     
  21. comunicandoilsociale

    22 dicembre, 2007 at 12:48 pm

    Grazie Marco ne faccio subito un post. Ancora buone feste.

     
  22. Alessandro Farina

    16 gennaio, 2008 at 4:28 pm

    Salve, mi chiamo Alessandro Farina. Sto per laurearmi in Comunicazione Pubblicitaria all’Università di Urbino. L’argomento della mia tesi è la comunicazione sociale.
    Parte della tesi è costituita da un progetto che consiste in un blog di comunicazione ambientale(www.myplanet2punto0.blogspot.com), Per pubblicizzarlo ho creato una campagna di comunicazione non convenzionale.
    Le foto si trovano sul blog.
    Credo molto nell’utilià della comunicazione sociale, per questo ho deciso di mettermi in gioco. Spero che il blog e che la campagna vi piacciano.
    Fatemi sapere.

    Alessandro.

    http://www.myplanet2punto0.blogspot.com

     
  23. comunicandoilsociale

    16 gennaio, 2008 at 6:10 pm

    Ciao Alessandro, complimenti per il blog e per l’attualità del tema. Se mi mandi qualche dettaglio della campagna pubblicherei volentieri un post. In bocca la lupo per la tesi.

     
  24. Alessandro Farina

    16 gennaio, 2008 at 7:04 pm

    Grazie per complimenti e per l’imbocca al lupo. Se mi mandi la tua mail ti mando le foto del progetto con anesse spiegazioni.

    Il mio indirizzo mail lo hai già giusto?
    Mandamela li. Se per te va bene.
    Grazie ancora.:)

    P.s.

    Giro i complimenti al tuo favoloso blog. E’ l’unico che tratta la comunicazione sociale in modo esaustivo. Sono mesi che lo seguo.
    Continua così.

     
  25. Alessandro Farina

    24 gennaio, 2008 at 6:34 pm

    Ciao Marco. Ho postato un articolo dedicato allo spazio che mi hai dato e su il tuo blog in generale.
    Per il link ho fatto.

    Grazie ancora.

    Ale (Myplanet 2.0)

     
  26. comunicandoilsociale

    24 gennaio, 2008 at 6:44 pm

    Grazie Alessandro leggerò con attenzione. Per il link ho inserito anche io. A presto,
    marco

     
  27. elena d.

    28 gennaio, 2008 at 9:48 am

    Ciao!
    io mi sto laureando e la mia tesi di laurea è sull’immagine dell’infanzia nelle pubblicità sociali in italia e nel mondo, posso utilizzare alcune pubblicità prese dal tuo sito (ovviamente citandoti nella sitografia)?Hai qualche consiglio su dove poter trovare altre campagne interessanti sull’argomento? grazie e complimenti per il sito!!!

     
  28. marco valenti

    28 gennaio, 2008 at 10:02 am

    Ciao Elena, tutto il materiale presente in questo sito è messo a disposizione per la consultazione e lo studio. Per l’utilizzo ti chiedo la cortesia di citare anche i credits della campagna. In Italia esistono decine di associzioni (amici dei bambini, albero della vita,save the children,apurimac, ecc) che si occupano di infanzia, ti suggerirei di rivolgerti a loro per avere il materiale che ti serve. In bocca al lupo.

     
  29. ale

    31 gennaio, 2008 at 3:40 pm

    Ciaooo,sto cercando di sviluppare un blog giornale in cui gli articoli sono scritti dai blogger WordPress (o al limite se non hai tempo posso scriverti io un’articolo prendendolo dal tuo blog e rimandandolo al tuo blog…).
    Il blog giornale nasce con l’intento di dare maggior visibilità al tuo blog e alla gente che cerca in rete la possibilità di trovare articoli di maggiore qualità in un’unico posto (visti i migliaia di blog che nascono ogni giorno…).
    Se ti va uno scambio link col blog giornale contattami pure.
    ti ringrazio anticipatamente e a presto
    http://www.giornale.fm

     
  30. Alessandra

    1 febbraio, 2008 at 1:02 pm

    VUOI IL MIO POSTO? PRENDITI IL MIO HANDICAP!

    “VUOI IL MIO POSTO? PRENDITI IL MIO HANDICAP!” è la prima campagna ingaggiata dai Incipit Srl, agenzia di comunicazione integrata di Trieste.

    L’idea è nata dal proposito di impiegare in maniera alternativa il budget dedicato ai classici regali di Natale aziendali, per promuovere invece una campagna di sensibilizzazione sulla cittadinanza consapevole.

    La campagna “VUOI IL MIO POSTO? PRENDITI IL MIO HANDICAP!” ha come obiettivo la sensibilizzazione della cittadinanza sul problema dei parcheggi riservati ai disabili attraverso volantini provocatori da lasciare sulle automobili che trasgrediscono.

    Ciò che per alcuni è spesso una seccatura, il parcheggio, per un disabile è invece sinonimo di autonomia e di libertà.

    Assieme alla campagna è nato anche un sito, http://www.cittaconsapevole.it, un contenitore per future campagne sociali, un punto virtuale d’incontro per suggerire idee, segnalare problemi reali del tessuto urbano e dei suoi cittadini. Sul sito inoltre la possibilità, per chiunque desideri contribuire alla diffusione di questo messaggio attraverso una piccola provocazione, di scaricare e stampare autonomamente i flyers della prima campagna.

    Città consapevole nasce come risposta ad un’esigenza oggi sempre più diffusa tra le imprese, quella cioè di sostenere un impegno etico, socialmente responsabile, intraprendendo nuovi percorsi e leve competitive coerenti con uno sviluppo sostenibile per la collettività. In altri termini, consapevolezza dello spazio collettivo e sociale.

    Città consapevole quindi, attraverso la promozione di campagne sostenute da enti e aziende locali, intende offrire spunti, idee, progetti, per migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini, la qualità degli spazi, dare o ridare identità ai quartieri, intervenire sul territorio per renderlo più accogliente dal punto di vista ambientale, culturale e sociale.

    RESPONSABILITà SOCIALE D’IMPRESA

    Tendenza sempre più consolidata è ormai da alcuni anni quella delle aziende di interessarsi e promuovere, parallelamente a obiettivi di crescita economica e competitività produttiva, attività socialmente utili, ovvero l’assunzione da parte di una azienda di responsabilità etiche nei confronti della società e dei cittadini di tutto il mondo.

    Considerare l’etica e il business due aspetti integrati tra loro e parte della strategia gestionale d’azienda, diventa oggi il quid in più, il valore aggiunto di una nuova concezione aziendale, in grado di coniugare spirito imprenditoriale, etica e sostenibilità ambientale.

    Incipit in questo senso, vuole distinguersi per la sua attività corporate incoraggiando l’assunzione di responsabilità nell’ambito delle comunità locali anche da parte di altre imprese.

     
  31. marco valenti

    1 febbraio, 2008 at 1:31 pm

    Grazie Alessandra ho parlato della vostra campagna pochi giorni fa: https://comunicandoilsociale.wordpress.com/2008/01/30/vuoi-il-mio-posto-prenditi-il-mio-handicap/.

     
  32. Marco Bonardelli

    5 febbraio, 2008 at 2:58 pm

    Ciao Marco,

    tutto ok? 🙂 Io sto bene e per ora sono un po’ impegnato con i penultimi esami.

    Ti scrivo, oltre che per risentirti, anche per dirti due cose.

    Anzittutto vorrei segnalarti questa campagna di GLAAD (Gay & Lesbian Alliance Against Defamation) con testimonial alcune personalità dello sport e della tv, come Rachel Griffiths di “Brothers & Sisters”, Kate Walsh (che donna ! 😛 heheheh) di “Private Practice”, Jerry ‘O Connell (ex protagonista de “Il mio amico Ultraman”, ora nella serie “Crossing Jordan”) e alcuni membri dei cast delle serie tv “Grey’s Anatomy” e “Ugly Betty”.

    I video li trovi qui:

    http://www.youtube.com/results?search_query=Glaad+PSA+Be+an+ally&search_type=

    e sul sito ufficiale http://www.glaad.org

    Inoltre volevo dirti che sto mettendo su un evento di beneficenza con un’associaizone culturale romana gestita da un mio amico.

    Ancora stiamo cercando gli sponsor (fase come sai non facile) ma, dovessi riuscire, vorrei contare sul tuo appoggio (e anche su quello di Paolo, che non sento da un po’) per pubblicizzare l’evento. 😉

    A presto,

    Marco

     
  33. marco valenti

    5 febbraio, 2008 at 11:40 pm

    Caro Marco, è un piacere risenirti. Complimenti per la segnalazione che ho subito postato. Leggo dell’iniziativa che stai progettando, da parte mia tutto il sostegno possibile. In bocca al lupo per gli esami.
    A risentirci presto.
    marco

     
  34. Eleonora

    8 febbraio, 2008 at 11:21 pm

    Car* tutt*,

    L’associazione El Gato Obrero opera nel campo della tutela dei diritti e della dignità dell’uomo. Da diversi mesi ci stiamo occupando di Giorgio, un malato di SLA.

    Giorgio fino a qualche anno fa era un corallaro, ma quando gli è stata diagnosticata l’infausta diagnosi ed i primi dolori si sono fatti sentire, ha dovuto abbandonare il lavoro, adesso, lui e la sua adorata moglie “tirano a campare”.

    Vivere con una pensione di 400 euro al mese e con un assegno di invalidità non è facile per nessuno , ancora più difficile lo è se devi pagare un affitto e , seguire le particolarissime cure della Sclerosi Laterale Amiotrofica.

    Il sistema nazionale sanitario pur permettendo l’esenzione per gli ammalati di SLA, non garantisce la completa gratuità di farmaci altrettanto importanti come vitamine, carnitina e altro, la necessaria costante cura di Giorgio, impedisce alla compagna di lavorare, dunque la famiglia vive in completa indigenza.

    Grazie al sostegno della nostra associazione in questi ultimi 6 mesi un raggio di sole è entrato nella loro casa e i loro volti hanno ripreso a sorridere, con il patrocinio e la solidarietà ricevuta da molti siamo riusciti ad regalare a Giorgio un materasso che gli permette di riposare comodamente senza sentire i suoi muscoli già doloranti, completamente massacrati da altri materassi.

    La nostra gara di solidarietà continua, infatti in parecchi locali del territorio della provincia di Oristano ci sono idonee scatolette per contribuire alla raccolta fondi per garantire a Giorgio un presente sereno ma soprattutto per poter contribuire alla cura sperimentale contro la SLA che da gennaio lo vedrà protagonista. La cura costa svariati migliaia di euro. Il SSN ovviamente parteciperà alle spese, ma in buona parte i costi ricadono sull’assistito.

    Come associazione abbiamo deciso di continuare a sostenere la famiglia, alleviando la sofferenza di Giorgio, con un sostegno fattivo e quotidiano.

    Per tal emotivo chiediamo a tutt* voi un contributo solidale seppur piccolo da accreditare sul ccp 83660159 intestato a Associazione El Gato Obrero causale “ per G. almeno l’essenziale”

    Ti ringraziamo anticipatamente dell’aiuto solidale che ci farai pervenire.

    Ci auguriamo che tu faccia girare la nostra mail tra tutt* i sard* e i tuoi soc*

    Gato Obrero

    Pres.

    Eleonora Casula

    Fate girare la nostra

    Associazione El gato Obrero
    “la battaglia per i diritti è una lotta di civiltà”
    visita il nostro blog
    http://gatoobrero.blogspot.com/

    tel 3397916117

     
  35. Politica sul Web

    21 febbraio, 2008 at 1:52 pm

    Ciao !
    Ti invito a visitare il sito:
    http://blog.libero.it/scuoledivalori

     
  36. dennis

    12 marzo, 2008 at 10:12 am

    segnalo questa iniziativa organizzata a Lecce dalla cooperativa P.A.Z.

    http://lavorareinsicurezza.net/

    http://blog.panorama.it/italia/2008/03/11/uninstallazione-contro-le-morti-bianche/

    grazie
    danilo

     
  37. dennis

    13 marzo, 2008 at 9:32 pm

    mi degni di una risposta?
    grazie

     
  38. marco valenti

    14 marzo, 2008 at 9:51 am

    Grazie Danilo,
    della segnalazaione, metterò all’attenzione dei lettori l’iniziativa. Scusa per il ritardo .

     
  39. giovannacosenza

    15 marzo, 2008 at 9:32 pm

    Ciao Marco,
    ti segnalo questa iniziativa del WWF danese, se non la conosci.
    Giò
    http://giovannacosenza.wordpress.com/2008/03/15/corri-panda-corri/

     
  40. Marco Bonardelli

    16 marzo, 2008 at 1:21 pm

    Carissimo 😀

    come stai? E’ un po’ che non ci si sente.

    Io sto bene e sono reduce da una breve ma intensa vacanza post-penultimi esami. 🙂

    Volevo farti leggere questo post che ho scritto per aprire una sezione sociale del mio blog dove parlo dell’ansia sociale, alla quale come sai sto dedicando un progetto al quale ti avevo accennato.

    Spero di essere stato esauriente perchè è la prima volta che parlo di un argomento sociale specifico nel mio sito.

    http://dubbing.splinder.com/post/16359158

    Ovviamente ti autorizzo a segnalare la sezione del blog e anche a darmi qualche suggerimento per arricchirla, tipo dove cercare notizie su eventi o altro inerenti questi disturbi. 😉

    Grazie come sempre della gentile attenzione e a presto. 😉

    Marco

     
  41. marco valenti

    16 marzo, 2008 at 8:13 pm

    Grazie Giovanna, ne parlo immediatamente.

     
  42. marco valenti

    16 marzo, 2008 at 8:27 pm

    Caro Marco, con molto piacere racconto di questa nuova sezione del tuo sito dedicato ad una patologia spesso trattata nel mio blog. Sono certo raccoglierà grandi consensi. A presto.
    Marco

     
  43. Marco Bonardelli

    19 marzo, 2008 at 10:53 am

    Ciao Marco, 😀

    vorrei segnalarti uno spot che ancora non è presente in questo blog e che dovresti inserire specialmente per questa ragione.

    E’ venuto a mancare ieri Oreste Rizzini, il grande doppiatore di Eric Forrester di “Beautiful”, di padre Ralph di “Uccelli di Rovo” e di Michael Douglas, Jon Voight e Bill Murray in film come “Ghostbusters” e “Lost in trasnlation”.

    Un anno fa Oreste (che ho avuto il piacere di conoscere personalmente) aveva prestato voce a uno spot di Medici senza frontiere inserito su YouTube da un volontario della sede italiana dell’associaione.

    Mi sembra non solo un buon modo per arricchiere il blog ma anche per ricordare questo grande doppiatore.

    Lo spot lo trovi qui:

    A presto

    Marco

     
  44. mragnedda

    20 marzo, 2008 at 3:46 pm

    Chi va a piedi usa la testa. Questo il titolo della Campagna sociale antismog.

    Il corso di Sociologia dei processi culturali, tenuto dal Prof. Gianfranco Sias e dal Prof. Massimo Ragnedda, della laurea specialistica di MediaRes (Media studies, Arti della rappresentazione, Eventi, Spettacolo) della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Sassari, in collaborazione con l’assessorato all’ambiente del comune di Sassari, ha realizzato una campagna di comunicazione sociale volta a sensibilizzare la cittadinanza di Sassari, ad utilizzare il meno possibile la propria auto. L’obiettivo della campagna sociale coordinata dal Prof. Massimo Ragnedda, dunque, è quello di rendere sensibile la città e i suoi cittadini dinanzi al problema dell’inquinamento e promuovere una salutare abitudine quale quella di camminare.
    Oltre ai manifesti 6X3 m (che proprio in questi giorni hanno fatto la comparsa per le vie della città di Sassari), la campagna sociale prevede l’invio di 20.000 cartoline (fatte su carta riciclata) informative a tutte le famiglie ed uffici della città di Sassari, riportante da una parte il logo del manifesto e nel retro un elenco di dieci buoni motivi per cui è preferibile camminare e lasciare l’auto a casa.

    Alla presentazione dell’iniziativa avvenuta il 18 marzo 2008 erano presenti il sindaco della città di Sassari Gianfranco Ganau, il preside della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Sassari Prof. Aldo Maria Morace, il coordinatore della campagna Prof. Massimo Ragnedda e gli studenti coinvolti nell’iniziativa.

    L’iniziativa ha avuto ampio eco ed è stata seguita da 4 televisioni regionali oltre ai principali quotidiani e periodici della Sardegna.

    Infine, proprio con l’obiettivo di promuovere buone abitudine, la facoltà di Lettere e Filosofia (che conta quasi 3000 studenti)è la prima facoltà di Sassari che fa la raccolta differenziata è sta studiando dei modi per utilizzare energia alternativa, perché siamo convinti che l’Università debba essere il laboratorio per un nuovo vivere sociale.

    Il logo dell’iniziativa antismog è disponibile all’indirizzo mragnedda.wordpress.com

     
  45. mragnedda

    21 marzo, 2008 at 11:24 am

    Chi va a piedi usa la testa. E già perché andare a piedi significa usare la testa. Pensiamoci un attimo: andare a piedi ci permette di mantenerci in forma, di non inquinare, di incontrare persone, di scoprire angoli nascosti della città, di evitare lo stress da traffico e da parcheggio. Dai dite la verità: quante volte ci siamo stancati di più a cercare un dannato parcheggio che a fare cento metri a piedi? Andare a piedi riduce lo stress, rasserena gli animi. Andare a piedi è dunque un modo per regalare un sorriso alla città. La città è anche la nostra e a noi spetta viverla. Non deleghiamo sempre tutto agli altri. Iniziamo dal basso, dalle piccole cose. Andare a piedi migliora la vita. Nostra e anche degli altri.E poi non dimentichiamoci che andare a piedi ci permette di risparmiare, non solo in termini di tempo, ma anche e soprattutto in termini economici. E già la tasca. Spesso non riusciamo ad arrivare a fine mese, però alla macchina non riusciamo proprio a rinunciare. Eppure la benzina, o diesel fate voi, incide in maniera sempre più consistente sulle nostre tasche. E allora, quando possiamo andiamo a piedi, lasciamo respirare la città, lasciamo respirare i nostri polmoni. E le nostre tasche. E poi veramente camminare fa bene. L’ha ricordato anche il sindaco Ganau il giorno della presentazione della campagna sociale promossa dalla facoltà di Lettere e Filosofia di Sassari, in collaborazione con il comune. In quel caso ha parlato anche da medico e non solo da primo cittadino, ricordando come una parte delle malattie principali che affliggono la nostra società è dovuta alla sedentarietà della popolazione. E allora camminate gente, camminate

     
  46. marco valenti

    21 marzo, 2008 at 4:15 pm

    Grazie per la segnalazione ne parlerò certamente. Sarebbe utile poter avere anche le immaini della campagna. Grazie

     
  47. riccardo

    1 aprile, 2008 at 4:50 pm

    Ciao,
    probabilmente avrete già visto il nuovo spot di Air Action Vigorsol (ricordate lo scoiattolino?), che questa volta collabora con WWF nella campagna contro il Global Warming. Al termine dello spot compare (troppo velocemente) l’indirizzo del sito della campagna: http://generazioneclima.wwf.it
    Che ne pensi?

     
  48. marco valenti

    2 aprile, 2008 at 1:19 pm

    Grazie Riccardo, ne parlerò sicuramente.

     
  49. roberto

    18 aprile, 2008 at 2:24 pm

    Salve vorrei mandare l’immagine della campagna del 5xmille dell’Associazione Casa del Sole Onlus (associazione che da più di 40 anni si occupa di bambini disabili). non so come fare.
    se volete vederela nel sito http://www.casadelsole.org si può scaricare il pdf.
    cosa ne pensate?

    saluti
    Roberto

     
  50. marco valenti

    18 aprile, 2008 at 4:51 pm

    Può inviare tutto alla mail info@comunicandoilsociale.it. Grazie

     
  51. Marco Bonardelli

    19 aprile, 2008 at 1:50 pm

    Ciao Marco,

    che si dice? 🙂 Io sto bene e sono sempre più incasinato con lo studio per gli ultimi esami.

    Vorrei segnalarti questa perla che avevo già visto un po’ di tempo fa.

    E’ un vecchio spot dell’Ad Council per una corretta alimentazione con protagonista Cookie Monster dei Muppet che, prima di mangiarsi i biscotti per i quali va tanto pazzo, mangia cibi nutrienti e spiega perchè facciano così bene. E’ carinissimo. 😀

    Eccolo qua. 😉

    A presto e buon weekend 😉

    Marco

     
  52. marco valenti

    21 aprile, 2008 at 10:14 am

    grazie Marco, segnalato in home. In bocca la lupo per gli esami.
    A presto.
    marco

     
  53. giovannacosenza

    21 aprile, 2008 at 9:19 pm

    Ciao Marco,
    ti segnalo la campagna affissioni del Bologna pride, se non la conosci:
    http://giovannacosenza.wordpress.com/2008/04/21/orgoglio-tranquillo/

     
  54. EduCalcio

    23 aprile, 2008 at 3:01 pm

    Vi segnaliamo il sito http://www.educalcio.it dove è possibile trovare Materiale, Spunti, Riflessioni sull’Educazione nel Calcio Giovanile. A disposizione per qualsiasi informazione, porgiamo cordiali saluti.

     
  55. Antonio

    24 aprile, 2008 at 3:11 pm

    Ciao,
    ho visto il tuo blog e ho pensato di invitarti nella mia nuova classifica, magari potresti renderlo più visibile 😉
    http://www.migliorblog.it

    Un saluto Antonio

     
  56. virginia

    9 maggio, 2008 at 11:50 am

    ciao marco,
    mi chiamo virginia e stamattina cercando sul motore di ricerca mi9 sonocasualmente imbattuta nel tuo sito; l’ho trovato interessante e mi chiedevo se potessi segnalarmi un qualche sito, una chat, qualcosa insomma in cui un malato di cancro possa comunicare con altri malati come lui per farsi forza. A mio padre è stato diagnosticato un cancro alla prostata lo scorso gennaio, che però è stato scoperto tardi, quando aveva ormai intaccato le ossa; ha solo 52 anni, ma , anche se gli è stato detto che non è in pericolo di vita e sta seguendo una cura che rende cronico il suo male, si è psicologicamente lasciato andare sentendosi in qualche modo incompreso. Mio padre è sempre stato già di suo molto introverso, ma passa molto tempo al pc, sarebbe bello se potesse mettersi in contatto con gente che come lui ( e peggio di lui talvolta) condivide e combatte soprattutto contro un male come il suo. So che la forza psicologica in questa lotta è fondamentale, perciò ti sarei molto grata se mi potessi aiutare; anche per noi, che siamo la sua famiglia, è cambiato tutto , vorremmo in qualche modo fare qualcosa per lui. Ti ringrazio molto.

     
  57. Alberto

    13 maggio, 2008 at 5:40 pm

    Ciao, complimenti per il sito! Forse ti può interessare questo video sulla pena di morte:

    http://it.youtube.com/watch?v=bUOanRJXCrM

     
  58. Valerio Tessari

    15 maggio, 2008 at 7:26 pm

    Ciao
    Da qualche tempo seguo il tuo blog e lo trovo stimolante. Ho avuto modo di apprezzarne i contenuti e lo stile. Spesso quello che ho letto mi è stato utile. Quindi complimenti.
    Penso possa interessarti se ti segnalo un particolare video della Regione Toscana che ho trovato su Youtube e che ha lo scopo di sensibilizzare alla responsabilità sociale delle imprese. Ho visto che il video è collegato ad un progetto specifico della Regione Toscana, http://www.fabricaethica.it. Credo che l’operazione sia interessante, dal momento che un’istituzione realizza una comunicazione utilizzando i nuovi linguaggi ed i nuovi media, cosa assai rara in Italia, mi pare. Inoltre, i valori trasmessi dal testo mi sembrano importanti, mi sembra che vadano ben più in là del riferimento imprenditoriale e che possano colpire chiunque abbia una sensibilità collettiva. Il testo usa un linguaggio poetico, senza retorica, senza le solite formule persuasive o buonistiche, credo possa essere letto anche indipendentemente dal contesto specifico a cui si riferisce. Le immagini sono molto simboliche, sullo sfondo di una bellissima natura, che il genere umano così spesso dimentica di apprezzare, senza rispetto. La musica ha un ritmo coinvolgente e la combinazione tra percussioni ed organo crea una suggestione particolare. Abbinata alle immagini è capace di giungere in profondità. Almeno questo è ciò che ho sentito io. Mi piacerebbe sapere se lo condividi.
    Il link del video è il seguente: http://it.youtube.com/watch?v=GNjKBZDOqpc

    La visione del video, magari, può stimolarti o diventare un contenuto utile per il tuo blog. Spero di si e spero anche che la Regione Toscana creda in quello che dice. Io sono andato sul sito del progetto, quello di Fabrica Ethica, il cui indirizzo viene riportato alla fine del video. In effetti c’è un sacco di materiale sulla responsabilità sociale.

    Un caro saluto.

    Valerio Tessari

     
  59. giuseppe labianca

    19 maggio, 2008 at 10:26 am

    Ciao, vi scrivo per segnarvi l’iniziativa che rmg connect ah deciso di attuare allo scopo di sensibilizzare i consumatori sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.
    L’agenzia per cui lavoro ha deciso di mettere all’asta la creatività della campagna “Kamaproject”, una campagna di sensibilizzazione sull’importanza della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

    Milano, maggio 2008 – Si aprirà alle 12 di lunedì 19 maggio l’asta su E-Bay per vendere non un oggetto bensì un’idea creativa. RMG Connect, agenzia di comunicazione specializzata nell’utilizzo di media alternativi, ribalta il consueto modus operandi della creatività pubblicitaria e invita le aziende ad aggiudicarsi all’asta una campagna di forte impatto su un tema sociale scottante, la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

    Su E-Bay si trova di tutto: lo sanno bene i frequentatori abituali, ma anche i semplici curiosi che almeno una volta sono capitati sul più celebre portale di aste online. Ma oggetto dell’asta sarà una vera campagna pubblicitaria, con un fine sociale.

    RMG Connect, agenzia di comunicazione conosciuta nel settore per la sua filosofia innovativa e per saper utilizzare i nuovi media anche in modo alternativo, ha deciso di mettere all’asta su E-Bay una propria idea creativa. Ribaltando il processo canonico per cui un’azienda si rivolge all’agenzia per commissionare una campagna pubblicitaria, questa volta è la campagna stessa ad andare a caccia dell’azienda che se la aggiudicherà a colpi di offerte. Un modo diverso per riportare l’attenzione su un problema mondiale sempre più grave.

    L’asta aprirà su E-Bay alle 12 di lunedì 19 maggio. Il “servizio” in vendita è costituito da un pacchetto completo: il soggetto della campagna stampa e una pianificazione completa che sfrutterà il circuito Promocard, quello delle famose cartoline pubblicitarie, che ha sposato con entusiasmo lo spirito benefico dell’iniziativa.

    Un’idea nata quasi per caso, come racconta Daniela Radice, Direttore Creativo di RMG Connect: “Le idee arrivano un po’ come vogliono loro. Questa era davvero buona ma non c’entrava nulla con i lavori che stavamo seguendo. Anziché chiuderla nel cassetto abbiamo scelto di darle visibilità, di far sì che fosse l’idea stessa a trovarsi un’azienda disposta ad accoglierla. È per noi una grande sfida e speriamo nel suo successo anche e soprattutto per il messaggio sociale che porta in sè, in un momento in cui l’attenzione verso le malattie sessualmente trasmissibili sta inspiegabilmente scemando.”

    Un’iniziativa unica nel suo genere, che fa capire come anche in Italia operino alcune agenzie all’avanguardia nel settore della comunicazione che sanno fare scelte coraggiose e controcorrente

     
  60. eugenia

    10 giugno, 2008 at 6:23 pm

    Ciao..mi chiamo eugenia e sono laureata in grafica…ho conseguito un master in pubblicità sperando di avere una chance per entrare nel mondo delle comunicazioni sociali, pubblicità progresso etc..ho vissuto un anno a Vienna e ho viaggiato un sacco e ho notato che le comunicazioni fuori di qui sono diverse…mi potreste dare una mano, non so qualche dritta? non so bene chi contattare..un saluto e complimenti per il blog..

     
  61. marco valenti

    12 giugno, 2008 at 9:06 am

    Ciao Eugenia, prova a rivolgerti all’ AVSI che promuove un Osservatorio per le professioni nel no profit.

     
  62. Chiara Bove

    14 giugno, 2008 at 11:37 pm

    Ciao! Questo posto è davvero stupendo…me lo sono girato tutto e wow!!

    Sono arrivata qui cercando la foto dello spot amref con l’uomo in posa “Africa” perché(ancora non lo sa) ma diventerà la prima pagina della mia tesina…
    Sto per diplomarmi e porto una tesina sull’Africa, mi servirebbe quella foto in formato più grande…potrei sapere dove l’ha trovata, per piacere? O se magari se Lei la possiede in formato maggiore??
    La mia mail è mary_jane89@libero.it!!!
    Per me è importantissima questa cosa, quindi La prego, mi faccia sapere!!!

    Saluti

    Chiara

     
  63. Camilla

    30 giugno, 2008 at 9:49 am

    Ciao,

    desideravo informarvi che venerdì 4 luglio abbiamo organizzato un convegno dal titolo: “Cittadinanza d’impresa: l’impegno delle banche all’interno della comunità” alla Sala Convegni ABI in via della Posta 3 a Milano.
    Ci saranno Claudia Fiaschi, Presidente di CGM, MArco Pietripaoli, Direttore del Ciessevi Milano, Gianna Zappi, Responsabile CSR di ABI e Valter Serrentino del Gruppo Intesa Sanpaolo.

    E’ un’ottima occasione per capire come si comportano le banche (molte presenti in sala) nei confronti del non profit e per porre domande.

    Mi faceva piacere segnalarvelo.
    Se qualcuno è interessato posso inoltrare l’invito web.

    Grazie e complimenti!
    Camilla

     
  64. Silvia

    14 luglio, 2008 at 9:56 am

    Buongiorno, mi sono appena diplomata presso L’Istituto Europe di Design di Torino, in Pubblicità.
    Vorrei lavorare nella comunicazione sociale, potrebbe darmi qualche consiglio, a parte andare all’estero, che per ora mi sembra l’unica possibilità?
    Grazie

    Silvia

     
  65. marco valenti

    14 luglio, 2008 at 12:58 pm

    Ciao Silvia, è la domanda che mi sento ripetere più spesso da questo ho aperto il blog. Purtroppo in Italia non esistono grande realtà come il COI inglese o l’AdC americano che offrono molti spazi di inserimento e di collaborazione. Ci sono però molte associazioni ed agenzie che si stanno specializzando. L’augurio è non mollare.

     
  66. Tommaso

    2 settembre, 2008 at 11:52 am

    Salve Marco,
    mi permetto di segnalare il convegno per giovani/aspiranti giornalisti “Cercare la verità per condividerla” che si terrà dall’11 al 14 Settembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell’UPS di Roma.

    Alla tre giorni organizzata insieme all’UCSI-Lazio parteciperanno – tra gli altri – Milena Gabanelli (Report), Paolo Ruffini (Dir. Rai 3), Gianni Riotta (Dir. TG1), Roberto Natale (Pres. FNSI), Vania De Luca (RaiNews 24).

    per info e iscrizioni: http://fsc.unisal.it

    grazie

     
  67. mario nurra

    9 settembre, 2008 at 2:09 pm

    quando fai l’ otturazione ad un dente dopo quanto tempo si può donare il sangue

     
  68. liquida staff

    11 settembre, 2008 at 1:58 pm

    Ciao,
    ti disturbo solo pochi istanti per segnalarti – e mi auguro che la cosa ti faccia piacere – che il tuo blog è stato scelto per la qualità dei suoi contenuti dalla nostra Redazione e inserito in Liquida (http://www.liquida.it).

    Liquida è il nuovo portale/aggregatore della blogsfera italiana che ha l’ambizione di dare visibilità a tutti i bloggers che producono valore e lo condividono con gli altri.

    I lanci dei post del tuo blog saranno quindi presenti sul portale nelle prossime ore e il tuo blog comparirà nella nostra directory di blog italiani (http://directory-blog.liquida.it/).

    Abbiamo inoltre realizzato una serie di FAQ per cercare di spiegare al meglio presente e futuro di questo progetto in cui crediamo molto (http://blog.liquida.it/category/liquida-faq/).

    Contattarci liberamente per sciogliere eventuali altri dubbi o per darci un tuo preziosissimo feedback (http://www.liquida.it/contattaci.liquida).

    Se poi, come speriamo, ti piacerà la nostra iniziativa, allora non ci resta che chiederti un aiuto per far scoprire Liquida a un numero sempre più grande di amici online (http://www.liquida.it/segnala_amico.liquida).

    C’è infine una piccola sorpresa: tutti i blog selezionati da Liquida possono fregiarsi di uno dei nostri gadget da inserire sul proprio sito (http://www.liquida.it/strumenti-liquida.liquida)!

    Grazie del tuo tempo
    Andrea
    Resp. Liquida.it
    assistenza@liquida.it

     
  69. fabiana

    18 settembre, 2008 at 8:14 pm

    ciao marco!
    prima di tutto mi presento.Mi chiamo Fabiana ed ho19anni.sono convinta che la cultura e la sensibilizzazione nelle persone sia il modo migliore per creare un mondo migliore.e comunicare positivamente e senza scopi di lucro sia un piccolo passo importante,capace di creare effetti positivi nelle menti delle persone,offuscate dall ipocrisia e dalla continua ricerca del potere e della materialità.mi piacerebbe molto poter lavorare all interno di associazioni o enti specializzati nella creazione ed ideazione di campagne sociali.vorrei sapere che studi io debba intraprendere a questo fine.quale università italiana sia la più adatta nel raggiungere questa mia utopia forse…
    grazie dell attenzione…mi farebbe enormemente piacere ricevere una risposta,il prima possibile.
    ancora grazie e buona giornata

     
  70. Sara Castaldini

    27 settembre, 2008 at 2:55 pm

    Buongirono a tutti, avrei bisogno di una mano: devo fare un progetto universitario su una campagna di comunicazione unicef, preferibilmente andata in onda (radio, tv, stampa, qualunque mezzo) in belgio negli ultimi 2 anni. Qualcuno di voi sa dirmi dove posso recuperare informazioni utili o a chi posso rivolgermi? grazie per l’aiuto! la mia mail è ansara@inwind.it. se avete informazioni per favore contattatemi! GRAZIE!!! Sara

     
  71. alessandro del re

    29 settembre, 2008 at 7:07 pm

    La mia azione di ambush mktg ad una di viral mktg

    Il caso ‘Cerca Bianca’ (http://www.myspace.com/cercabianca) è un’azione di guerrilla viral marketing ben congegnata e realizzata da LiveXtention per pubblicizzare la nuova gamma di computer Fujitsu Siemens, attraverso un concorso-gioco di investigazione sul network myspace.La mia azione invece si puo’ definire un’imboscata, un ‘ambush viral di guerrilla precaria’: attraverso la promessa di un finto indizio (tra i commenti allo space di cercabianca), attrae i navigatori verso un ‘myspace’ parallelo (http://www.myspace.com/indizio_1) ,incitandoli a mandare un messaggio al contatto e-mail dell’agenzia TOM (Bari) in cui le suggeriscono di dare spazio (di collaborazione lavorativa) al sottoscritto.
    La stessa azione è stata effettuata anche su Facebook con le stesse modalità.
    Credendo nella buona visibilità di ‘Cerca Bianca’ spero di far giungere un buon numero di mail all’agenzia per presentarmi in maniera non-convenzionale e non con il banale, odiato curiculum vitae!
    Del Re Alessandro

    CONTATTI: http://www.myspace.com/guerriglia_marketing
    aledelre@yahoo.it
    cell.3476558253

     
  72. marco valenti

    1 ottobre, 2008 at 8:39 pm

    Cara Fabiana, la tua è una domanda ricorrente alla quale è difficile dare una risposta esaustiva. Per fare comunicazione sociale serve innanzitutto una sensibilità forte verso il tema e la capacità di capire in quale settore ci si vuole impegnare. Deciso questo si può intraprendere un percorso piuttosto che un altro in una delle ottime università italiane. Gli altri temi che affronti relativi alla mentalità dominante ecc racchiudono problematiche molto complesse che la sola comunicazione non può certo risolvere da sola.

     
  73. silvana alfano

    9 ottobre, 2008 at 2:56 pm

    mi sono collegata al sito della giornata internazionale dedicata all’osteoporosi e vorrei contattare l’organizzazione F.I.R.M.O. per potere collaborare, presso il gazebo che verrà installato a napoli, con la presenza del nostro medico specializzato nelle cure di acque termali, al fine di fornire informazioni in merito. grazie
    silvana alfano
    relazioni esterne terme di Agnano Spa (Napoli)

     
  74. marco valenti

    9 ottobre, 2008 at 3:28 pm

    Puoi rivolgerti a:
    info@fondazionefirmo.com
    Telefono: +39.055.493.10.63
    Fax: +39.055.468.44.40

     
  75. Laura

    13 ottobre, 2008 at 2:55 pm

    Con la presente per inoltrare alla Vostra cortese attenzione la comunicazione stampa relativa alla campagna benefica promossa da Sosushi e dalla Komen Italia Onlus associazione operativa in tutto il mondo in favore della lotta e della prevenzione ai tumori al seno.
    L’iniziativa che ha preso il via domenica 28 settembre 2008 durante la maratona benefica “Race for the cure” ha come scopo la raccolta di circa 10.000 euro da destinare al supporto e alla ricerca in favore della lotta ai tumori al seno.
    Sperando che segnaliate l iniziativa sul vostro sito data l’importanza della stessa, rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento o richiesta di informazioni e materiale di supporto.
    In attesa di una Vostra cortese porgo Cordiali Saluti.

    Sandroni Laura

    Comunicato Stampa

    Lotta contro il tumore al seno con
    Sosushi e Komen Italia

    Al via menù rosa e cene di beneficenza per una raccolta fondi tutta in rosa.

    Sosushi, il franchising concept più innovativo di Bologna, si impegna a livello sociale attraverso una campagna benefica al fianco di Komen Italia Onlus associazione operativa in tutto il mondo in favore della lotta e della prevenzione ai tumori al seno.

    Creatività e qualità in un brand giovane e sempre in movimento, sono solo alcune delle particolarità che distinguono il network in franchising, vero e proprio laboratorio artigianale, dalle location minimali ma altamente emozionali, dove gustare un sushi diverso, dai sapori particolari e raffinati ma legati alla più antica tradizione giapponese.
    Una cucina sana, invitante e originale offerta all’ interno di spazi, eventi e servizi innovativi e di alta qualità per avvicinare i propri clienti in modo autentico alla filosofia della cultura giapponese.

    L’iniziativa ha preso il via domenica 28 settembre 2008 durante la mini maratona benefica “Race for the cure” che da due anni si svolge anche a Bologna, città natale del brand, dove con una squadra di oltre cento persone tutta in rosa, colore delle donne e della lotta di Komen Italia, Sosushi ha “sfilato” portando con sé in modo divertente e sportivo un messaggio di solidarietà.

    L’impegno di Sosushi però continua all’interno dei suoi ristoranti con un’ iniziativa che porterà entro la fine dell’anno a donare alla Komen Italia una cifra di circa 10.000 euro per supportare con mezzi sempre più forti ed efficaci questa lotta tutta al femminile.
    Da ottobre infatti nei take-away di tutta Italia sarà possibile acquistare i Menù Rosa, dedicati in modo particolare alle donne, serviti con carta di soia rosa, salmone e Philadelphia, due menù benefici da 8 e 15 euro dei quali 2 euro verranno devoluti per la lotta contro il tumore al seno. Partiranno inoltre le cene di beneficenza organizzate presso i ristoranti o durante le originali iniziative firmate Sosushi, come cene a domicilio, spettacoli di show cooking e cene con chef giapponese, unendo così al piacere di gustare sapori diversi e raffinati un piccolo gesto di solidarietà.

    Un iniziativa sociale, che consente ad ognuno la possibilità di essere parte attiva nella ricerca per la lotta e la prevenzione dei tumori al seno, e che vi donerà un ‘esperienza altamente coinvolgente avvicinandovi all’arte culinaria di un paese lontano e dalle antichissime tradizioni.

    Sosushi, si propone sul mercato in maniera sana, veloce e flessibile, è un format artigianale ma estremamente adattabile alle richieste dei consumatori.
    Un’impronta moderna e raffinata di design per una cura del dettaglio che abbraccia la cultura orientale in tutti i suoi aspetti.
    Questo il concept del network Sosushi, che in giapponese significa “sushi creativo” e che si propone attraverso un’elevata distinzione nella qualità delle materie prime e delle composizioni, concentrandosi sull’idea di un vero e proprio laboratorio.
    La società Masabi srl, che sviluppa il progetto Sosushi, gestita da You Can, porta quindi sul mercato un innovativo concept di franchising dell’area food, per avvicinare il cliente alla cultura nipponica più metropolitana, con creatività e forte spirito imprenditoriale.

    Ufficio Stampa “Vociferando” Comunicazione e Media Relation
    Mail Contact: viviana.marino@vociferando.it
    Tel – 02.345.92976 Cell. – 338.750888

     
  76. Marco Bonardelli

    28 ottobre, 2008 at 5:48 pm

    Carissimo, 😀

    tutto bene? Io sto cercando di guarire da un brutto raffreddore e mal di gola che ho da quando sono tornato da Roma.

    Volevo segnalarti due cose che penso tu troverai molto interessanti.

    Anzittutto su questo sito di cui ti do il link ci sono alcune campagne dell’Ecpat sulle quali ti posso dare informazioni relative al doppiaggio.

    http://www.eroepercaso.it/

    Due sono gli spot a cartone animato con l’omonimo supereroe Ecpat (carinissimo ^___^), doppiato da Oreste Baldini e protagonista di una serie animata prodotta per sensibilizzare sui problemi legati allo sfruttamento sessuale e addescamento dei minori.

    C’è anche uno spot con un signore che parla con la famiglia e, appena finisce di parlare, si vede che nel letto ha vicino una bambina che si vede nuda di spalle.

    Questo signore è doppiato da Stefano Mondini, la moglie da Rossella Acerbo e la voce fuori campo che si sente alla fine è del grande Franco Agostini, una voce che sicuramente avrai sentito spesso in pubblicità, tra l’altro fondatore dello studio Cat Sound dove si registrano spot pubblicitari.

    L’altro spot è dell’associazione Medici conh l’Africa Cuamm la cui voce è Claudia Catani che è una grande doppiatrice conosciuta soprattutto come la voce dell’agente Dana Scully di “X-Files” (secondo me la sua consacrazione come doppiatrice) ed è anche la voce degli spot della Chiesa Cattolica insieme a Loris Loddi.

    Lo trovi qui, anche in versione radiofonica, e ne esiste una versione patrocinata da Pubblicità Progresso.

    http://www.mediciconlafrica.org/ita/pagina.asp?ID=154&sezione=199

    A presto 😉

     
  77. Marco Bonardelli

    28 ottobre, 2008 at 5:53 pm

    Dimenticavo: gli impegni dell’università non sono così impegnativi come pensavo, per cui potrei fare qualcosa per te.

    Se mi dici su cosa vuoi che verta questa mia rubrica ne possiamo parlare. 😉 Io personalmente la farei proprio sui doppiatori nelle campagne sociali.

    Fammi sapere. 😉

    A presto

     
  78. marco valenti

    29 ottobre, 2008 at 12:27 pm

    perfetta la rubrica sul doppiaggio nelle campagne sociali. Nei prossimi giorni preparo la sezione e ti invio una mail. Sono felicissimo. Grazie.

     
  79. Marco Bonardelli

    29 ottobre, 2008 at 1:10 pm

    Grazie a te per la proposta. 🙂 La sai la mia mail? Sennò te la do subito.

     
  80. marco valenti

    29 ottobre, 2008 at 1:17 pm

    no, inviamela appena puoi. Grazie,

     
  81. Marco Bonardelli

    29 ottobre, 2008 at 8:03 pm

    Dove trovo la tua mail?

     
  82. marco valenti

    3 novembre, 2008 at 12:15 pm

     
  83. Marco Bonardelli

    3 novembre, 2008 at 12:46 pm

    Ciao Marco,

    ho ricevuto la tua mail. Appena apri la sezione fammi sapere. 😉

    A presto 😉

     
  84. low85

    3 novembre, 2008 at 1:26 pm

    Dove devo andare per scrivere? Sto avendo qualche difficoltà a trovare il pannello di controllo per iniziare a scrivere. hehehe

     
  85. Segretariato Sociale Roma 19

    5 novembre, 2008 at 10:06 am

    Vi segnalo che è nato il Sito Web del Segretariato
    Sociale Roma 19 all’indirizzo http://www.segretariatosociale19.it.

    Il Servizio di Segretariato Sociale è un servizio pubblico del Comune
    di Roma, Municipio 19, Unità Organizzativa Socio-Educativa, Culturale,
    Sportiva.
    La gestione del servizio è affidata al Consorzio CLIO (sintesi delle
    esperienze e delle professionalità di: Comunità Capodarco di Roma,
    Cooperativa Sociale Meta, Studionet s.r.l., società Alter.net).

    All’interno del Sito web:
    – I servizi del Segretariato Sociale
    – La normativa
    – Indirizzo e orari del Segretariato Sociale
    – Studi e ricerche
    – Le news in ambito sociale
    – Schede informative sui servizi del territorio

     
  86. marco valenti

    6 novembre, 2008 at 3:32 pm

    Ciao Marco, devi collegarti al link che ti ho inviato e dopo la registrazione accedere al pannello di controllo. Ciao

     
  87. Alessandro

    9 novembre, 2008 at 10:23 pm

    Mi permetto di segnalare una interessante iniziativa sociale chiamata Progetto Credito G (o gcredit) che introduce un nuovo modello economico finanziario basato non più sull’oro ma sui beni essenziali alla vita dell’essere umano. Partendo da ciò che è necessario sarebbe così possibile creare progresso nei mercati mondiali di tutto il mondo: http://www.gcredit.org

     
  88. Alessandro

    9 novembre, 2008 at 10:32 pm

    Mi permetto di segnalare un’iniziativa sociale denominata Progetto Credito G (o gcredit) che a fronte della crisi finanziaria di tutto il mondo ipotizza in modo plausibile un nuovo modello economico finanziario su un mercato parallelo incentrato non più sull’oro ma sui beni sociali ed essenziali alla vita dell’essere umano. http://www.gcredit.org

     
  89. alessandra zeni

    20 novembre, 2008 at 5:22 pm

    Ciao Alessandro, non so se ti ricordi di me..
    eravamo insieme alle elementari,
    navigando nel sito ho visto il tuo nome e ho così provato a scriverti..
    ho letto un pò di cosa ti occupi,
    ne approfitto per farti un salutino e i miei complimenti.. Alessandra Zeni Bolzano

     
  90. Roberta

    23 novembre, 2008 at 12:51 pm

    salve a tutti, io sono Roberta e sto facendo una tesi di laurea sulla comunicazione di marketing sociale, contro l’alcolismo da parte di amministrazioni pubbliche quali regioni, province, comuni, enti locali. Qualcuno saprebbe consigliarmi qualche sito o qualcuna delle istituzioni sopra elencate che facciano questo genere di social advertising?
    Grazie

     
  91. guido fabrizi

    26 novembre, 2008 at 6:03 pm

    Ciao sono fotografo di comunicazione sociale e vorrei entrare in contatto con voi.Un saluto.Guido

     
  92. Marco

    27 novembre, 2008 at 4:30 pm

    Ciao Marco!
    Mi permetto di segnalarti l’iniziativa “5 Euro per 1 Sorriso” che l’Associazione niemals allein – mai soli di Merano (BZ), di cui faccio parte, ha lanciato a favore degli anziani fragili, protagonisti del nostro agire quotidiano.

    L’obiettivo dell’iniziativa è di far sorridere. Ma far sorridere chi?

    Anzitutto vogliamo regalare il sorriso ai protagonisti dell’agire quotidiano, i nostri anziani fragili, ovvero, quelle persone anziane che, volente o nolente, hanno bisogno degli altri per affrontare anche le più semplici attività quotidiane. E per poter realizzare quest’obiettivo abbiamo bisogno anche di voi e del vostro contributo. Aderendo all’iniziativa ci aiuterete a sviluppare l’impegno quotidiano a sostegno della partecipazione e dell’invecchiamento attivo.

    In secondo luogo vogliamo coinvolgere anche voi e strapparvi un sorriso scorrendo i testi di cui vi facciamo omaggio (in formato PDF), rendendovi partecipi di una visione profondamente diversa del mondo anziano sotterraneo e silente, che spesso traditi dalla memoria e dai ricordi scivolano in un mondo difficilmente compatibile con ciò che tutti noi riteniamo reale e realistico. I ricordi – a tratti vividi – si fanno spesso nebulosi e confusi, popolandosi di figure reali travisate, tanto da rendere loro difficile comunicare con il resto del mondo circostante.

    Grazie alla biografia romanzata siamo riusciti nell’intento di rendere loro il ruolo da protagonisti di un’esistenza seppur meravigliosa, ma a tratti realmente vissuta, leggendo il rapporto e la gestione delle fragilità umane – e soprattutto degenerative dell’età matura – in una chiave comica e divertente.

    Per maggiori informazioni vai al sito:
    http://www.niemalsallein-maisoli.it

    Grazie e buon lavoro
    Marco Greco
    Associazione niemals allein – mai soli
    Via Monte Tessa, 6
    39012 Merano (BZ)
    http://www.niemalsallein-maisoli.it

     
  93. marco valenti

    2 dicembre, 2008 at 1:24 pm

    Grazie ne parlerò sicuramente.

     
  94. Chiara

    11 dicembre, 2008 at 3:44 pm

    Salve, non so se è questo lo spazio appropriato per chiedere informazioni, in tal caso mi scuso in anticipo.
    Io sono una volontaria di Abio Firenze, ho conosciuto questo sito internet tramite la rivista Plurali, edita da CESVOT (centro servizi volontariato toscana) e vorrei avere dei consigli su libri che trattano di Pubblicità Sociale, utili per la mia tesi di laurea.
    Grazie.

     
  95. DMarisol Calligaro

    12 dicembre, 2008 at 11:46 am

    Salve Marco,
    mi chiamo DMarisol e sono membro della Commissione Pari Opportunità del Comune di Buja(Udine).
    Se desidera contattarmi per eventuale collaborazione o semplice relazione sulle tematiche del pianeta Handicap sono a Sua disposizione.
    PS:sono una donna disabile.
    A presto.
    DMarisol

     
  96. marco valenti

    15 dicembre, 2008 at 10:48 am

    Ciao DMarisol, ti ringrazio per la segnalazione che raccolgo volontieri. Il mio blog affronta questo sensibile tema sotto il profilo della comunicazione, se è tuo interesse affrontare l’argomento con questo taglio sono a tua completa disposizione. A presto. Marco

     
  97. salvatore ercolani

    15 dicembre, 2008 at 11:28 pm

    Salve scusate se ce qualche errore nella grammatica ma o fatto le scuole in Germania ma voi mi saprete correggere grazie mi fate sapere che ne pensate del sistema e semplice ma efficace quando la tecnologia serve x salvare vite umane e non x fare solo profitti grazie.

    Il sistema per evitare il 90%-95%dei incidenti mortali su strada che succedono à causa del alta velocità e sotto gli effetti di alcool e droga e mettere un volante o pedaliera con sensori capaci di rivelare queste ultime come in America esiste il braccialetto che rileva se si e ubriachi o drogati e se risulta positivo al alcool o droghe la macchina non parte è a riguardo al alta velocità basta mettere un sistema GPS del tipo americano o europeo collegato con la centralina del limitatore di velocità cosi lauto non può più superare il limite di velocità consentiti dalla legge del codice stradale è cosi le compagnie automobilistiche farebbero pressione sulla S.p.A. Autostrade italiane e sul Governo italiano affinché non migliorerebbero le strade e autostrade cosi da poter aumentare il limite di velocità ma su strade sicure e senza buche è pozzanghere come in Germania le autostrade sono sicure anche in condizione avverse è ad alta velocità in alcuni tratti è sono tutte gratis?? e in più si evitano 7.000- morti 40.000-invalidi permanenti e 250.000-feriti vari l anno solo in Italia,in Europa moltiplicate x 27 paesi del Unione Europea sono tanta gente che si potrebbe salvare , in gran Bretagna e già attivo un sistema simile ma non x salvare vite Umane ma x far pagare la tassa di circolazione in base a dove si circola centro urbano e extra urbano e periferia usiamo la tecnologia x salvare vite umani e non solo x i profitti x info sa.ercolani@hotmail.it

    A chi non conviene il sistema x evitare 90%-95% dei incidenti mortali stradali x primo ai comuni italiani che non potrebbero più multare gli automobilisti x aver superato il limite di velocità ,e se il sistema GPS sarebbe collegato con il sistema x regolare il traffico quindi semafori e altri dispositivi esistenti si potrebbe regolare il traffico ed evitare anche le multe ai semafori e risparmiare sulle forze del ordine che controllano il traffico li potrebbero impiegarli in altri campi e in più si eviterebbero i morti,feriti e gli assassini x sfortuna in galera e tutto a spese dei contribuenti.
    I secondi sono le compagnie automobilistiche che non venderebbero più le auto di grossa cilindrata e pezzi di ricambi a causa dei incidenti stradali.
    I terzi sono le multinazionali delle compagnie delle assicurazioni che dovrebbero abbassare le tariffe delle polizze R.C.Auto e infortuni vari del 90% .
    I quarti sono le multinazionali pharmacopee e ortopediche che si toglierebbe ben il 80% dei loro guadagni x che non ci sarebbero più ogni anno 40.000-invalidi permanenti e 300.000-feriti vari non contando i 7.000-morti l anno,so che il bilancio della sanità in Italia e del 53% del pill annuale 30 miliardi di euro solo x incidenti d auto e in più i carcerati x sfortuna quindi un enorme risparmio in denaro pubblico e per primo le vite umane risparmiate,Quindi cosa e più importante i profitti del e multinazionali o le vite umani tra morti invalidi e feriti vari e gli assassini x sfortuna che stano in galera e tutto a spese dei contribuenti e famiglie distrutte da entrambi i lati dei investiti e investitori delle auto.
    Grazie
    Postato da salvatore ercolani

    la Rai come rai 3 e radio due tele due rai e Mediaset come striscia la notizia e le Jene tutti i tg nazionali non lo vogliono pubblicare o fatto un esposto alla procura generale di napoli essendo tv publiche dovrebbero publicare come salvare 7.000 mila vite umane e 30.000 invalidi permanenti 300.000 mila feriti vari anche loro sono contro il sistema anno da perdere anche loro non avrebero piu informazione di incidenti mortali e pirati della strada in galera

     
  98. salvatoreercolani

    18 dicembre, 2008 at 12:38 pm

    Attenti a questa associazione (AIFVS) vittime dela strada e anche ad altre associazioni che asspettano il polo da spenare sono come le jene o avvoltoi come li volete chiamare delle persone che lucrano sulla disperazione della gente che a perso una persona cara a lui,loro aspetano il pollo x da spenare una donazione anche loro con il mio sistema non anno piu il dirito di esistere attenti al LUPO .

     
  99. marco valenti

    18 dicembre, 2008 at 12:48 pm

    Caro Salvatore, questo blog non ha mai censurato nessun contributo dei lettori e non lo farà neanche in questo caso. Tuttavia, prende le distanze dal tuo commento per due semplici ragioni: non conosce l’associazione, soprattutto non accetta che tali accuse non siano motivate ed espresse nei termini adeguati a sviluppare una dialettica con l’interlocutore chaimato in causa. L’invito è ad essere più cauti prima di puntare il dito.

     
  100. fernando

    19 febbraio, 2009 at 9:17 am

    vi consiglio la vetrina del centro umanistico di ciampino
    http://www.crescereinsiemequantum.com tanti video il 7 rapresenta il convegno al S.RAFFAELE LA PISANA ROMA sulla sla ma anche per tutte le patologie……..il ricercatore http://www.francescofacchini.eu
    e il presidente del Centro Fernando

     
  101. Federico Marsili

    8 marzo, 2009 at 2:26 pm

    Mi chiamo Federico Marsili e sono invalido civile al 75%. Il 14 luglio 2008, sono stato coinvolto in un incidente stradale in qualità di passeggero. Indossavo le cinture di sicurezza e ho riportato la frattura di 3 costole, del seno mascellare destro, dell’osso mascellare destro e la lesione permanente del nervo facciale destro, diagnosticata dal primario del reparto di chirurgia maxillo-facciale, in seguito a visita specialistica.
    L’avvocato che sta seguendo la mia vertenza, in qualità di parte lesa, mi ha indirizzato al medico legale, che ha certificato le lesioni, quantificando il danno biologico in ragione del 5%.
    Il periodo di inabilità temporanea in giorni 70, dei quali 20 da considerarsi I.T.P. al 75%, 20 di I.T.P. al 50% e 30 di I.T.P. al 25%.
    Pensate che la perizia sia stata corretta? Il fatto che sia un invalido civile al 75% ha una qualche rilevanza, in sede di quantificazione del danno o è meglio se cambio avvocato e rifaccio la perizia?
    Ringraziando per l’attenzione, porgo cordiali saluti.
    Federico Marsili.

     
  102. marco valenti

    9 marzo, 2009 at 9:10 am

    Ciao Federico, il blog si occupa di comunicazione sociale e non saprei come aiutarti. Rivolgiti ad una associazione per vittime della strada.

     
  103. otto manfrinato

    31 marzo, 2009 at 2:38 pm

    questo lo spot realizzato per il Ministero dell’Interno da
    WOW onlus-AGENZIA DI COMUNICAZIONE SOCIALE

     
  104. davide

    29 giugno, 2009 at 1:55 pm

    Ciao Marco, buona giornata. Ho ripreso il tuo post relativo a Greenpeace vs nucleare sul mio blog Café des Ignorants: lo trovi a questo link http://cafedesignorants.wordpress.com/2009/06/29/l%e2%80%99energia-nucleare-un-boomerang-parola-di-greenpeace/. Complimenti per il tuo blog. Davide “The Apprentice”

     
  105. marina luraghi

    21 luglio, 2009 at 11:25 am

    Un solo suggerimento: perché gli interventi più recenti non compaiono in cima, invece che a fondo schermata?
    Sarebbe tutto più facilmente fruibile.
    Ciao,
    Marina

     
  106. Ariel

    7 novembre, 2009 at 1:24 pm

    Salve,
    vi ho trovato surfando la rete. Mi occupo di comunicazione/ufficio stampa da molto tempo e vorrei mettermi in contatto con agenzie che sviluppano progetti di comunicazione nel settore no profit/cooperazione internazionale. Mi hanno parlato di una realtà che si chiama Aragon ma non riesco a trovarla. Sapete darmi qualche indicazione su Aragon o altre agenzie nel settore?
    Grazie
    Ariel

     
  107. Bike sharing

    12 novembre, 2009 at 11:01 am

    “Adotta un vampiro” è la campagna di sensibilizzazione alla donazione di sangue
    promossa dalla Newton Compton, editore di LISA JANE SMITH, autrice delle saghe IL
    DIARIO DEL VAMPIRO e LA SETTA DEI VAMPIRI. Sul sito http://www.adottaunvampiro.com è
    possibile avere informazioni necessarie per diventare donatori e richiedere l’adozione
    di un vampiro.
    La campagna ha avuto inizio il 31 ottobre, giornata di Halloween, quando 16 vampirine
    hanno promosso l’iniziativa presso supermercati, librerie Feltrinelli e Mondadori di
    Roma e Milano entrando in contatto con più di 18.000 persone, tra cui soprattutto
    giovani adulti e adolescenti. Su http://www.adottaunvampiro.com sono on-line le fotografie
    e il video dell’evento.
    Adesso le vampirine ritornano: il primo appuntamento per donare il sangue sarà a Roma,
    il 21 novembre alle ore 08:00, presso il centro trasfusionale dell’ospedale Santo Spirito
    di Roma, in via dei Penitenzieri n.13. I numeri di telefono del Centro sono:
    0668352380/2384.
    Lo scopo della campagna è quello di sensibilizzare i giovani, attraverso il mondo dei
    vampiri, su un tema di primaria importanza come quello della donazione del sangue.
    L’obiettivo è di realizzare la prima comunità virtuale di donatori di sangue e per i
    maggiorenni superare l’ostacolo della prima donazione.
    I risultati dell’iniziativa saranno visibili sul sito http://www.adottaunvampiro.com
    La campagna è stata ideata da Newton Compton Alias, la nuova divisione di marketing
    non convenzionale della casa editrice.
    Per ulteriori informazioni rivolgersi ai recapiti sotto indicati:
    Ufficio stampa Newton Compton
    Fiammetta Biancatelli – cell. 347.2154309 –
    fiammettabiancatelli@newtoncompton.com
    Vania Ribeca – cell. 333.2554215 – vania@newtoncompton.com
    Elisa Montanucci – 348.0555248 – elisamontanucci@newtoncompton.com
    Via Panama 22 – 00198 – Roma – Tel. 06/65002553 – fax 06/65002892
    http://www.newtoncompton.com

     
  108. marco valenti

    13 novembre, 2009 at 1:35 pm

    Puoi trovare tutte le informazioni sul loro sito http://www.aragorn.it/

     
  109. Daniele

    2 dicembre, 2009 at 12:12 am

    Ciao Marco,
    sono Daniele di Viralmente (http://viralmente.blogspot.com. Ti scrivo per segnalarti “Diversamente uguali” (http://www.youtube.com/watch?v=RoqpXlfvAKo), il video realizzato per promuovere Giftee, un progetto di commercio etico che si prefigge di fare, e soprattutto di “far fare”, beneficenza in maniera tangibile.
    L’idea trova efficacia nella sua semplicità: acquistando un prodotto, Giftee ne dona uno uguale a chi ne ha davvero bisogno.
    Al progetto hanno già aderito ONLUS come Ai.Bi. (www.aibi.it), ONG GHANDI (www.asefasc.org), C.A.P.S.E. / ASPE (www.aspeonlus.org), ALDEAS AGAPE, ASSOCIAZIONE FAMIGLIA CABRINIANA (www.casanatalecabrini.com).
    Per maggiori informazioni puoi visitare il sito http://www.giftee.it.
    Sarei felice se potessi dedicare a questa iniziativa un piccolo spazio sul tuo blog.

    Grazie
    A presto

     
  110. Daniele

    2 dicembre, 2009 at 1:26 pm

    grazie mille Marco 🙂
    a presto

     
  111. marco valenti

    2 dicembre, 2009 at 1:28 pm

    Grazie a te.

     
  112. Sara

    8 dicembre, 2009 at 4:11 pm

    Ciao Marco, innanzitutto complimenti,

    sono Sara e volevo segnalarvi uno strano annuncio che ho letto su bakeca:

    http://milano.bakeca.it/chiacchiere/il-mio-bacio-al-epk313944312
    Poi sono andata sulla pagina Facebook: http://www.facebook.com/baciodicleopatra e l’asta su ebay:

    http://cgi.ebay.it/Bacio-allasta_W0QQitemZ180441303305
    L’aspetto interessante è che la ragazza donerà tutti i soldi in beneficenza.
    Ciao

    Sara

     
  113. monica rossi

    8 dicembre, 2009 at 6:57 pm

    gentile Giulia, mi chiamo monica rossi, e sono stata vittima di un’agguato. per meglio dire di una violenza. vorrei contattarla.ma non riesco a trovarla. ho un bisogno estremo di lei. Grazie m.r.

     
  114. marco valenti

    9 dicembre, 2009 at 3:34 pm

    Ciao Sara, non so nulla di questa iniziativa. Approfondirò. Grazie per la segnalazione.

     
  115. marco valenti

    9 dicembre, 2009 at 3:39 pm

    Ciao Monica,
    devi rivolgerti all’Associazione Doppia Difesa che trovi a questo link http://www.doppiadifesa.it/. Nella sezione contatti ci sono tutte le informazioni per entrare in contatto con l’associazione.
    Ciao,
    marco

     
  116. Daniele

    14 dicembre, 2009 at 1:42 pm

    Ciao Marco,
    vorrei segnalarti la nuova petizione che GCAP (http://www.gcap.it) intende rivolgere alle autorità, per ricordare loro gli accordi stabiliti durante il G8 di luglio, per combattere la povertà.
    Per ottenere la necessaria visibilità e coinvolgere gli utenti, è stato creato un simbolico gioco su facebook, attraverso il quale è possibile “fare pressione” sui grandi del mondo: http://apps.facebook.com/gcap_press_the_eight/
    A supporto sono stati realizzati una fanpage (http://www.facebook.com/home.php#/pages/GCAP-Coalizione-Italiana-contro-la-Poverta/49992913309?ref=ts) e un video (http://www.youtube.com/watch?v=P_2hl1R7UwE).

    Credits:
    agenzia: YoYo Comunicazione
    art director: Matteo Santucci
    direttore di produzione: Ricardo Cesarini
    scenografia: Graziano Pimpolari
    regia: Edoardo Carlo Bolli
    applicazione Facebook: Magie Canizzaro

    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi e naturalmente se ti va di condividerla attraverso il tuo blog.

    Grazie

    Daniele
    http://viralmente.blogspot.com

     
  117. Alessandra Tonini

    13 gennaio, 2010 at 12:45 pm

    Buongiorno,
    la Federazione Alzheimer Italia – la maggiore organizzazione nazionale dedicata alla promozione della ricerca medica e scientifica sulle cause, la cura e l’assistenza per la malattia di Alzheimer, al supporto e sostegno dei malati e dei loro familiari, alla tutela dei loro diritti – realizzerà nel prossimo mese di gennaio una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi a sostegno di “Pronto Alzheimer”, il primo servizio telefonico di sostegno, assistenza e orientamento per i malati ed i loro familiari.
    Dall’11 al 31 gennaio sarà infatti possibile donare 2 euro inviando un sms al 48544 da cellulari privati TIM, Vodafone, Wind e 3 o da telefono abilitato Telecom Italia oppure chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia

    La disturbo per chiederle se ha spazio e piacere di ospitare la notizia o il nostro banner (link http://www.alzheimer.it/) nel mese di gennaio (dall’11 al 31 gennaio).
    Probabilmente si ricorderà di noi, perché ci avete ospitato l’anno scorso!

    Un caro saluto,

    Alessandra Tonini

     
  118. Marco Matteoli

    19 gennaio, 2010 at 11:12 pm

    Anche la comunicazione diventa low cost (ma rimane efficace).

    “Comunicare in tempo di crisi”: un convegno per promuovere la comunicazione fatta con molte idee, bassi investimenti e ottimi risultati. Il convegno è l’evento conclusivo della mostra Comunicazionevirtuosa che raccoglie esempi di pubblicità da tutto il mondo, realizzate con grandi idee e piccoli budget. Anche il sito http://www.comunicazionevirtuosa.com/ è realizzato con i mezzi che il web mette gratuitamente a disposizione: un sito interamente fatto di SOCIAL NETWORK.

    Il convegno è un momento di discussione tra imprese e professionisti della comunicazione sulle prospettive presenti e future dello scenario economico e mediatico. Intervengono imprenditori e docenti dell’Università di Pisa.

    Lucca, venerdì 22 gennaio, ore 15
    Palazzo Bernardini (presso la sede dell’Associazione degli Industriali di Lucca).

    Il convegno è promosso da:
    Formetica (consorzio di formazione professionale dell’Associazione Industriali di Lucca) e TP (Associazioni Italiana Pubblicitari Professionisti)
    con il supporto di Associazione Industriali di Lucca e Gruppo Giovani Imprenditori Assindustria Lucca
    e con il patrocinio della Provincia di Lucca, del Comune di Lucca e dell’Università di Pisa.

     
  119. emilio farigu

    6 febbraio, 2010 at 3:02 pm

    Salve! sono paraplegico per embolia gassosa da ventun anni, e per fortuna posso sostituire le gambe con l’automobile.
    Il motto è, nella sua semplicità, geniale.
    Dovrei pregare tutti i miei condomini di fare lo stesso visto che allegramente, a turno, utilizzano il parcheggio riservato ai disabili, che nel mio caso fortunatamente per i miei concittadini, dovrebbe al momento essere riservato solo a me.
    I più “rispettosi” hanno anche il sadismo di lasciarti un po’ di spazio, sempre invadendo comunque parte di quello riservato perchè pensano che sia esagerato tanto spreco, in modo che con grande difficoltà, se sei bravo, possa insinuare la vettura tra il palo che sostiene il cartello e la parte posteriore della loro; con tutte le acrobazie relative che vi lascio immaginare.
    Il più delle volte lascio perdere perchè l’utilizzatrice abituale degli ultimi anni, madre ed educatrice (?) di infanti, sarebbe capace di suonarmi alla porta per chiedermi di farle spazio per uscire comodamente e senza danni dal parcheggio.
    E’ inutile dire che i vigili “urbani” del posto sono stati richiamati al loro dovere decine di volte: il risultato?
    In ventun anni è stato inserito nel tergicristallo della mia auto un richiamo di mancata esposizione del contrassegno, uno dei primi giorni della concessione dello stesso (ero ancora inesperto della prassi); un’altra volta è stata verbalizzata l’auto di mia figlia convivente con me e pagata l’ammenda per la sosta. Anche la sfortuna è cieca!
    E’ inutile dire che in un piccolo paese c’è una certa ritrosia ad inimicarsi le persone, per certe bagatelle poi…; trattandosi inoltre di parenti di amministratori locali, dio ne scampi! ironia della sorte….anch’io per diverse legislature lo sono, ma di minor peso, oppure semplicemente noioso perchè chiedo il rispetto delle regole civili.
    Scherzi a parte complimenti all’ideatore del progetto e auguri perchè possa suscitare in tutti uno spirito di solidarietà verso il prossimo, creando ad alcuni minimi sacrifici personali, ad altri opportunità di minor disagio fisico e pressione psicologica.
    Comunque parafrasando raitre….fatti sentire!
    Potrebbe essere un modo anche di partecipare alla vita sociale non solo per pretendere rispetto, ma anche per provocare stimoli a comportamenti civili e solidali. Un saluto a tutti.
    Emilio Farigu

     
  120. Daniele

    16 febbraio, 2010 at 7:37 pm

    Ciao Marco,
    volevo segnalarti una nuova iniziativa di ActionAid.
    Grazie
    A presto

    “Il gusto amaro che senti nel tuo caffè nasce da una miscela sapiente di sfruttamento, avidità e malgoverno”.

    Da questa metaforica premessa nasce “Vorrei un caffè corretto”, la nuova iniziativa promossa da ActionAid (http://www.actionaid.it).
    I riflettori sono puntati questa volta sulle imprese torrefattici che, soprattutto a causa di politiche che privilegiano la ricerca del costo più basso, finiscono per trascurare i problemi generati dall’impatto sociale del loro operato, incidendo sulla vita di milioni di braccianti e piccoli produttori, sopraffatti da condizioni fortemente precarie (fonte: indagine ActionAid “Caffè amaro 2009”).
    Obiettivo di questa ennesima battaglia contro la fame è quello di coinvolgere l’opinione pubblica e, allo stesso tempo, creare a livello governativo un tavolo di concertazione composto da tutti i portatori di interesse (imprese produttrici, sindacati, organizzazioni degli agricoltori, associazioni di consumatori) per garantire trasparenza, tracciabilità ed eticità lungo tutta la filiera del mercato del caffè.

    Attraverso il sito http://www.lafame.it è possibile chiedere alla propria marca di caffè, un prodotto ancora più gradevole e un mondo migliore in cui vivere.
    Oltre che dalla fan page http://www.facebook.com/pages/ActionAid-Italia/73493613024, l’iniziativa è supportata da questo video http://www.youtube.com/watch?v=vjPupWAz_LI.

    Correggiamo il consumo e liberiamo il mondo dalla fame!

    ActionAid è un’organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della povertà che basa il suo lavoro sul rispetto dei diritti umani che agisce insieme alle popolazioni e alle comunità più emarginate, attraverso programmi di sviluppo a lungo termine. Nei paesi più ricchi, invece, ActionAid mobilita i cittadini e coinvolge direttamente imprese e istituzioni.

     
  121. Silvia

    25 febbraio, 2010 at 7:34 pm

    26 FEBBRAIO 2010, ORE 21.00
    Montegrotto Terme – Hotel Terme Preistoriche

    “DONNE… A LIBRO APERTO”
    Incontro con Marida Lombardo Pijola
    Donne e modelli educativi: adolescenti di oggi, donne di domani

    Padova, 25 febbraio 2010 – È la giornalista Marida Lombardo Pijola la protagonista dell’ottavo appuntamento con Donne… a Libro aperto, la rassegna letteraria itinerante interamente dedicata a tematiche di interesse femminile che venerdì 25 febbraio fa tappa a Montegrotto Terme.
    Nel corso della serata, l’autrice di Ho dodici anni, faccio la cubista, mi chiamano Principessa – Storie di bulli, lolite e altri bimbi, il libro-inchiesta che ha svelato agli adulti il mondo segreto delle discoteche pomeridiane frequentate dai preadolescenti, parlerà del suo ultimo romanzo, L’età indecente, e discuterà di modelli educativi e dei comportamenti dei teen-agers d’oggi.
    L’incontro è in programma alle ore 21.00 (ingresso libero) all’Hotel Terme Preistoriche (via Castello 5). Moderano il dibattito con il pubblico l’ideatrice del progetto Silvia Galbardi e la giornalista Cadigia Hassan.

    Donne… a libro aperto prosegue venerdì 12 marzo con Antonia Arslan, che affronterà il tema “Donne e tragedie della storia”. La rassegna chiude il 26 marzo con Gabriella Ghermandi (“Donne di paesi lontani”).

    Marida Lombardo Pijola, giornalista, inviata speciale de Il Messaggero e scrittrice, si occupa di società e costume con particolare attenzione al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. I suoi articoli d’inchiesta e il libro “Ho dodici anni, faccio la cubista, mi chiamano principessa” (Bombiani, 2007) hanno restituito un quadro allarmante del microcosmo delle discoteche pomeridiane, un ambiente popolato da adolescenti-bambini dediti all’esibizionismo, al consumismo sfrenato e alla sessualizzazione precoce e occasionale. Il suo nuovo romanzo, “L’età indecente” (Bompiani, 2009), approfondisce il tema della deriva generazionale e dell’incomunicabilità familiare attraverso il racconto incrociato di una madre e del figlio tredicenne.

    Parlare delle donne, dei loro problemi, delle loro emozioni, del loro ruolo nella società: è questo l’obiettivo della rassegna letteraria Donne…a libro aperto. L’iniziativa si declina in dieci serate di incontro-dibattito, dove ogni autrice sviluppa, prendendo spunto dalla propria produzione narrativa, un argomento specifico. Dalle dinamiche familiari all’amore, dalla violenza all’emigrazione, passando per la storia e il destino. E poi il lavoro, i figli, la cultura: ogni appuntamento vuole essere un piccolo viaggio nell’anima e nel cuore delle donne, per ricostruire la strada che hanno percorso e analizzare la loro condizione attuale.

    L’evento è promosso dall’Associazione MediAzioni Culturali in collaborazione con GlobalStudios Marketing & communication. Con il patrocinio di: Provincia di Padova – Assessorato alle Politiche Familiari, Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, Comune di Albignasego, Comune di Limena, Comune di Montegrotto Terme, Comune di Noventa Padovana, Ordine degli Psicologi del Veneto, Ordine dei Farmacisti della Provincia di Padova, “Donne… a libro aperto” è sponsorizzato da: Callegari Gioielli, Torresin Unipersonale, Gruppo Bertani, Pavanello Sanità, Les Olivades Antiquariato, Sara Assicurazioni, Villa Italia, Consiglio Notarile di Padova, Farmacia Moderna, Hotel Terme Preistoriche di Montegrotto Terme e Jean Pierre & co Parrucchieri.

    Per informazioni
    GlobalStudios – Silvia Galbardi: direzione@globalstudios.it; tel. 049–8930389; cell. 335–5617073

     
  122. Rosella

    10 marzo, 2010 at 2:36 pm

    Buongiorno a voi. Io mi permetto di scrivervi per un aiuto per una mia carissima amica. Mi scuso perchè sicuramente penserete che il mio argomento non è pertinente con la vostra associazione ma sinceramente no so a chi rivolgermi. In breve. Questa mia amica ha una figlia di 15 anni che le sta dando molti problemi. Vi dico solo che siamo arrivati alle minaccie fisiche ai genitori, scappa di casa per giorni, sembra spacci etc. Lei ovviamente è seguita da assistenti sociali che però non sembrino far molto se non appoggiare questa ragazza. Ora loro hanno veramente paura ma nessuno sembra voglia aiutarli. Hanno già fatto denuncia ma giustamente lei si chiede cosa deve ancora succedere prima che qualcuno intervenga o dia loro un aiuto. Abbiamo l’esempio di anni fa di quella ragazza che ha ucciso mamma e fratello. Per avere aiuto bisogna arrivare a tanto. Vi chiedo se mi potreste indicare una struttura o qualcuno che possa dare a questa mia amica un consiglio su come poter aiutare questa figlia e ri-unire la loro famiglia
    Grazie per l’aiuto che potrete darmi
    Rosella

     
  123. silvio bonomi

    17 marzo, 2010 at 8:49 pm

    Ciao

    volevo segnalarti 2 SPOT uno realizzato per “la casa delle donne di Brescia” e l’altro realizzato con una scuola superiore sempre di Brescia.


    mi piacerebbe avere un tuo parere

    grazie

    silvio bonomi

     
  124. tagbolab

    11 aprile, 2010 at 4:36 pm

    Salve!

    Siamo un gruppo composto da 12 ragazzi del laboratorio “marketing territoriale nel web 2.0, TagBologna”, riservato agli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale dell’Università di Bologna.

    Il progetto prevede di mappare i festival e i blogger bolognesi: qui puoi trovare tutte le info su di noi http://www.tagbolab.it/?page_id=2

    Per aiutarci nell’analisi è disponibile un wiki http://provatagbo.pbworks.com.

    Vorremmo continuare la nostra piccola indagine aggiungendo delle interviste ad alcuni blogger di Bologna: ti chiediamo quindi qualche minuto del tuo tempo per rispondere a queste veloci domande!

    Eccole :

    Perchè scrivi e da quando? Da cosa nasce l’esigenza di comunicare?
    Su cosa scrivi? Quanto spesso?

    Cosa faresti a Bologna che ora non c’è? Cosa manca a questa città?

    Secondo te, Bologna è famosa per?

    Se possibile, hai un’immagine che possiamo allegare alla tua intervista? Su di te o su un aspetto di Bologna…

    Grazie per la collaborazione:appena pubblichiamo l’approfondimento, sarà nostra cura mandarti il link.

    TagBoLab

     
  125. angelo

    27 aprile, 2010 at 3:16 pm

    ho scirtto questa canzone , ascoltando una confidenza di una mia cara amica , spero che possa arrivare a tutti la mia vergogna di far parte della cattegoria maschile , tutti noi facendo l’idifferenti siamo colpevoli di violenza , me compreso .

     
  126. orel bitan

    20 maggio, 2010 at 8:11 pm

    Hi all,

    I have attached a link to my ad for YouTube Young Lions Contest 2010 for WaterAid.
    It was made in just 48 hours.
    10 years ago world leaders made a promise to tackle world poverty…
    4,000 children will continue to die of preventable water-related diseases every single day, due to not having access to clean water or sanitation.
    Please take a minute and watch my movie(it is only a minute long:)

    Thank you

     
  127. Associazione Piera Cutino

    21 maggio, 2010 at 10:41 am

    Buongiorno
    Vi scrivo per la possibilità di promuovere una raccolta fondi tramite sms solidale.
    L’Associazione Piera Cutino Onlus si occupa della ricerca scientifica per la cura della Talassemia.
    La raccolta fondi nasce per continuare i lavori di costruzione di un nuovo padiglione per i pazienti Talassemici.
    I lavori, finanziati interamente dall’Associazione solo con fondi privati (donazioni di soci, sostenitori e aziende), sono iniziati nel febbraio del 2009. In un anno abbiamo terminato la struttura esterna del Padiglione.
    Sul nostro sito http://www.pieracutino.it potrete trovare le informazioni che ci riguardano, nonchè le foto sull’avanzamento dei lavori.
    Quest’anno l’Associazione ha attivato una campagna di raccolta fondi tramite sms solidale con la nostra Testimonial: Nicole Grimaudo. Abbiamo già ricevuto l’autorizzazione dal segretariato sociale e dalle compagnie telefoniche che hanno attivato la numerazione unica breve 45593. Attiva dal 1° al 6 giugno.
    Se aveste la possibilità di promuoverci sul vostro sito, saremo lieti di inviarvi un banner promozionale realizzato con Nicole Grimaudo.
    Rimango a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.
    Colgo l’occasione per salutarVi
    con viva cordialità.

    Valentina Iacono

    3921527877

    (Segreteria Organizzativa)

    Associazione per la Ricerca Piera Cutino Onlus
    Sede legale: via Trabucco, 180 – 90146 Palermo (presso Ospedale “Vincenzo Cervello”)
    Sede operativa: via Principe di Paternò, 18 – 90100 Palermo
    Codice Fiscale 97144450828
    Tel. 091.346858 – Fax 091.6881664
    e mail: info@pieracutino.ithttp://www.pieracutino.it

     
  128. Arianna

    25 maggio, 2010 at 2:09 pm

    Buonasera a tutti. Mi chiamo Arianna, sono una studentessa di Sociologia dell’Università Sapienza di Roma. Vi scrivo per chiedere delle informazioni. Non so se è lo spazio giusto per farlo e, se così fosse, mi scuso in anticipo.
    Sto raccogliendo materiale per la mia tesi di laurea, l’argomento sarà la comunicazione sociale delle organizzazioni no profit. In particolar modo mi interessano le campagne pubblicitarie per la salvaguardia dell’ambiente e il mio scopo è quello confrontare le strategie di comunicazione utilizzate da Wwf e da Greenpeace e di svolgere un’analisi semiotica di alcune delle pubblicità realizzate. Per fare questo ho bisogno di ricostruire la storia delle due organizzazioni e di raccogliere del materiale pubblicitario. A tal proposito ho più volte cercato di contattare le sedi di entrambe le associazioni, ho inviato diverse email, ma purtroppo non ricevo ancora risposta. Mi rivolgo quindi a voi nella speranza che possiate indicarmi un modo per ottenere questo materiale o darmi dei consigli al riguardo (libri, riviste, siti internet).

    Ringrazio anticipatamente
    Arianna

     
  129. Marco

    1 luglio, 2010 at 9:46 am

    Ciao ti ho linkato sul mio blog ricambi?

     
  130. provincegiovani

    2 luglio, 2010 at 9:09 am

    Salve, vorrei segnalare queste due campagne di comunicazione sociale realizzate in provincia di Lecce:

    1. http://www.cooperativapaz.com/portfolio/grafica/item/48.html
    2. http://www.cooperativapaz.com/portfolio/grafica/item/46.html

     
  131. Mauro

    2 agosto, 2010 at 10:09 pm

    Ciao Marco,
    sono Mauro, il pres. dell’ass.ne “la casa sulla roccia” di Avellino. Ho spessovisitato il tuo sito per raccogliere spunti sulla comunicazione sociale ritenendo che chi come noi opera in questo campo debba necessariamnete indirizzare anche la comunicazione in modo diretto e professionale al fine di far giungere all’esterno delle ns. associazioni la conoscenza di ciò che realizziamo. Sono stato abbastanza sorpreso di aver visto comparire nel tuo sito il ns. biglietto augurale, in occasione delle Pasqua 2010, volutamente visto con gli occhi di chi sta al di la della tavola della domenica. Desidero ringraziarti per aver dato risalto a questo ns. piccolo elaborato e continuando a perfezionare il ns. modo di svolgere comunivcazione sociale ti saluto cordialmente. M.Aquino.

     
  132. marco valenti

    3 agosto, 2010 at 8:29 am

    Caro Mauro, con grande gioia raccolgo i tuoi ringraziamenti che sono la soddisfazione più grande per chi come me sente il bisogno di portare la comunicazione sociale nell’agenda delle priorità della nostra società. La comunicazione e più propriemente quella sociale sono il veicolo per il cambiamento dei valori di una società. Il vostro è uno sforzo coraggioso e meritevole di attenzione. Sono contento che la pubblicazione sul blog abbia regalato fiducia al vostro operato e contribuito in piccola misura a far conoscere la vostra attività. Tienimi sempre informato.

     
  133. nathi

    15 settembre, 2010 at 1:24 pm

    ciao,
    mi potete segnalare delle agenzie che si occupano di comunicazione sociale su Genova?
    grazie mille

     
  134. Mauro

    4 ottobre, 2010 at 3:25 pm

    Ciao Marco, ti segnalo una nostra nuova iniziativa sulle adozioni internazionali.
    Questo il link dello spot : http://www.youtube.com/watch?v=MzF7KljFpn8
    Questo quello del manifesto : http://www.lacasasullaroccia.it/wp-content/uploads/2008/01/adointer.jpg
    Questo quello dell’iniziativa : http://www.lacasasullaroccia.it/?page_id=1474
    Ti auguro buon lavoro.

     
  135. francesca cofini

    2 novembre, 2010 at 1:18 pm

    Ciao Marco, vorrei un’informazione. Mi piacerebbe poter pubblicizzare l’offerta di AMKA onlus, realtà associativa attiva in Congo, Guatemala e in Italia, per regali solidali NATALE 2010 su Comunicandoilsociale, è possibile?
    QUESTO è IL SITO DELL’ASSOCIAZIONE http://www.assoamka.org per qualsiasi informazione

     
  136. Marie

    10 novembre, 2010 at 3:58 pm

    Ciao Marco,

    abbiamo visitato il tuo sito internet e vorremmo farti conoscere il nostro motore di ricerca PICKANEWS. Se sei un appassionato di web marketing ci auguriamo che tu possa trovare Pickanews utile e interessante!

    http://www.pickanews.com

    Pickanews è il primo motore di ricerca e analisi dell’informazione in Europa per sapere dove siete citati su tutte le fonti media (stampa, internet, TV e Radio).

    Si possono leggere anche i fatti del giorno indicizzati per parole chiave, notizie riguardanti le aziende, personaggi pubblici, la politica, l’imprenditoria, gli avvenimenti sportivi e molto altro ancora.

    Ci fa piacere conoscere la tua opinione e i tuoi suggerimenti

    Cordiali saluti

    Marie

     
  137. Andrea Casaleggio

    19 dicembre, 2010 at 3:03 am

    Buongiorno,

    abbiamo realizzato un Social Flash Mob a Torino,
    per beneficenza.

    Lo scopo del clip e dell’azione, con un tema fortemente
    natalizio è stato quello di comunicare la mission di Renken Onlus,
    associazione attiva dal 2006 in Senegal.

    Nel qual caso fosse di vostro gradimento, un inserimento
    nei vostri spazi internet, per noi sarebbe molto importante.

    Ecco il link:

    Un grazie sincero per la cortese attenzione, resto a vostra disposizione
    nel qual caso necessitaste di ulteriori informazioni.


    Andrea Casaleggio

     
  138. Josè Pascal

    22 dicembre, 2010 at 10:54 am

    Navigando fra le onde del web mi sono piacevolmente incagliato in questo bel blog.

    Mi presento sono Josè Pascal (figlio del fù Mattia Pascal e Ederì Buendìa discendente del grande colonnello Aureliano Buendía).

    Volevo invitarti a visitare il mio blog ed eventualmente collaborare.

    Se ogni giorno vorrai una lettera mi invierai a inparolesemplici@gmail.com
    Nell’attesa di una tua letterina ti auguro buone feste

     
  139. Mauro

    22 dicembre, 2010 at 3:52 pm

     
  140. Francesco

    22 gennaio, 2011 at 6:04 pm

    Ciao!
    Sono Francesco dell’associazione LaGoccia, vorremmo proporvi una collaborazione per un nostro evento in cui vogliamo dare visibilità a tematiche sociali.
    Ringraziandovi,
    Francesco

     
  141. marco valenti

    24 gennaio, 2011 at 10:30 am

    Sono a disposizione per ogni sostegno. Un cordiale saluto

     
  142. Matthieu Hénot

    4 marzo, 2011 at 3:31 pm

    Ciao Marco,

    Mi presento sono Matthieu, e lavoro per il progetto Acqua For Life iniziato il 1° Marzo da Giorgio Armani.

    Questo progetto e una operazione di solidarieta internazionale a scala mondiala (ci sono 54 paesi che partecipono) e digitala.

    Il suo blog e scritto con un stile e con idee chi corrispondono alle nostre valore. E perché noi farebbe piacere di diffondere la nostra operazione con lei.

    Avremo bisogno di lei per far conoscere il progetto Acqua for Life Challenge in Italia, e sensibilizzare il piu mondo che possiamo alla problematica del accesso a l’acqua potabile per le populazioni sfavorite.

    Puo mandarmi un mail a : matthieu.henot@gmail.com,
    Cosi, vi spieghero il progetto, vi daro il communicato stampa e tutte le informazioni che vorrè

    In attesa, voglia gradire i miei sinceri saluti
    Matthieu

     
  143. alessandro fedeli

    7 aprile, 2011 at 5:24 pm

    ciao,

    volevo segnalarti un’iniziativa benefica di UniCredit (legata alla UEFA Champions League) che sta per partire in questi giorni.
    L’iniziativa è denominata “MAKE A KID SMILE” e prevede che, per ogni persona che caricherà sul sito http://www.make-a-kid-smile.eu una foto in cui sorride, UniCredit donerà 10 euro (fino ad un massimo di 200.000 euro) al progetto “Open Fun Football Schools”, progetto che intende trasmettere ai bambini valori importanti come la correttezza, lo spirito di squadra e il rispetto reciproco.
    Questo progetto è organizzato da Cross Cultures Project Association (http://www.ccpa.eu), un’associazione che ha lo scopo di promuovere la riconciliazione e l’integrazione dei popoli tramite il dialogo e la collaborazione.
    Per avere altre informazioni su questa iniziativa ti rimando al comunicato digitale: http://www.digital-pr.net/DMNR_Unicredit/make_a_kid_smile.htm

    Alessandro Fedeli

     
  144. Amij Bizzotto

    2 maggio, 2011 at 2:02 pm

    Buongiorno,

    con piacere vi segnalo che l’associazione Valore Sociale in collaborazione con l’Università degli Studi Milano-Bicocca organizza il 13 maggio a Milano il II Convegno Internazionale di Valore Sociale, dal titolo ”La Valutazione di Impatto sui Diritti Umani: uno strumento concreto per promuovere l’etica nell’impresa”.

    La presenza sarà gratuita, ma richiede una registrazione sul sito di Valore Sociale, al link
    http://valoresociale.it/convegnointernazionale/

    Vi siamo grati fin d’ora per la divulgazione che vorrete dare all’evento.

    Rimaniamo a disposizione per il programma della giornata e per il comunicato stampa e porgiamo cordiali saluti.

    Sisifo Italia srl – ComunicAzione StratEtica®
    Segreteria Organizzativa

    Via Marco d’Agrate, 43
    20139 Milano (MI)
    tel: +39 02/83390088
    fax: +39 02/47941718
    http://www.sisifo.eu
    info@sisifo.eu

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: