RSS

Mamma parliamo di doping

25 Mag

IL 26 MAGGIO, A ROMA, SI CHIUDE LA CAMPAGNA UISP, CON PROTAGONISTI  GLI STUDENTI DI 32 CITTA’ ITALIANE

testata

Con la riapertura delle scuole nel settembre scorso ha preso il via anche “Mamma parliamo di doping“, la nuova campagna di informazione e sensibilizzazione dell’Uisp sui temi del doping e dell’inquinamento farmacologico, questione su cui l’Uisp è impegnata dal 1998.

Quest’anno la campagna Uisp si è rivolta ai ragazzi delle scuole medie inferiori di 32 città italiane ed ha in se un elemento nuovo: accanto a migliaia di studenti ha coinvolto anche le loro famiglie. Una campagna unica nel suo genere, perché capovolge quanto fatto finora: non più gli adulti, genitori, tecnici, allenatori, medici, che spiegano ai figli il problema del doping nello sport, ma il contrario.

Il 26 maggio, la campagna dell’Uisp celebrerà il suo atto finale a Roma. All’Auditorium del Massimo dell’Eur (via Massimiliano Massimo, 1) oltre 400 studenti provenienti da tutta Italia, saranno protagonisti della convention finale che, oltre al convegno previsto la mattina, vedrà l’esposizione di tutti gli elaborati prodotti in questi mesi.

Dalle 10.30 alle 12.30 un convegno, coordinato da Ilaria Sotis, giornalista Radio 1 Rai, al quale interverranno, tra gli altri, Sandro Donati, Commissione di vigilanza e controllo sul doping del Ministero della Salute, Mauro Sarmiento, argento olimpico di Pechino 2008 nel taekwondo, Pino Capua, presidente Commissione Antidoping della Figc, Thomas Zandonai, l’ex ciclista che ha denunciato l’uso personale di sostanze dopanti, e Gianni Mura, inviato de La Repubblica.

Dalle 14 alle 17, invece, saranno esposti tutti i lavori degli studenti. Sarà, dunque, una vera e propria “Fiera delle idee”: uno spazio espositivo nella Sala Rossa dell’Auditorium, dove saranno presentati i lavori (video, giornali, manifesti, striscioni, canzoni, spot) realizzati durante l’anno e dove gli studenti si incontreranno per raccontare come vedono, interpretano, vivono il fenomeno del doping nello sport.  

Al convegno intervengono

Giuseppe Capua – Presidente commissione antidoping FIGC

Antonio Correra       – S.I.P. – Società Italiana di Pediatria

Sandro Donati – Componente CVD – Commissione di vigilanza e controllo sul doping

Filippo Fossati – Presidente nazionale Uisp

Luisa Mastrobattista – Ricercatrice ISS – Istituto Superiore di Sanità

Gianni Mura – Inviato de La Repubblica

Mauro Sarmiento – Medaglia d’Argento di taekwondo Olimpiadi Pechino 2008

Giuseppina Sementilli – Dipartimento di medicina interna, Università de L’Aquila

Thomas Zandonai – Ex ciclista

Conduce: Ilaria Sotis, giornalista Radio1 RAI

Partecipa: Andrea Rivera – Cantastorie

IL PROGETTO IN BREVE

Un’esperienza progettuale che mette al centro gli studenti delle scuole medie inferiori e cerca di favorire la conoscenza del doping, stimolando il dialogo tra loro e gli adulti. Sono stati, infatti, i ragazzi protagonisti indiscussi del progetto che, con il supporto degli insegnanti e degli operatori Uisp, hanno realizzato azioni di informazione dirette ai propri genitori, e sono stati sempre loro a scegliere le modalità comunicative più congeniali: spot pubblicitario, giornalino, video, vignetta o spettacolo teatrale. Tutti i lavori hanno trovato il canale di comunicazione sul sito internet www.mammaparliamodidoping.it che ha avuto un ruolo centrale nello sviluppo dell’intera campagna. Un vero serbatoio di idee comunicative contro il doping con un’area completamente gestita e personalizzata dai ragazzi. Uno strumento di interazione tra i protagonisti che hanno potuto creare il proprio avatar (ovvero il proprio profilo virtuale) , caricare le proprie foto, i propri lavori, confrontarsi e scambiarsi consigli ed esperienze sulla campagna.

L’obiettivo della campagna è stato quello di contrastare il doping e l’abuso farmacologico, oltre che i messaggi errati e devianti che ci vengono dal mondo dello sport: la vittoria a tutti i costi, l’accanimento per il risultato, la mancanza di rispetto verso se stessi e verso gli avversari.

All’inizio e al termine della sperimentazione i ragazzi hanno intervistato i loro genitori per monitorare i cambiamenti di atteggiamento intercorsi grazie all’intervento ed hanno risposto ad un questionario a loro dedicato.

La campagna è finanziata dalla “Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e la tutela delle attività sportive”, realizzata in collaborazione con l’Iss – Istituto Superiore di Sanità ed ha visto la partecipazione della SIP – Società italiana di pediatria.

Info sul progetto: Ufficio Progetti Uisp. Tel 06 43984350 – 06 43984345 – 06 43984341 progetti@uisp.it

Annunci
 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: